Inter intenzionata a levare la fascia a Icardi: ora Miranda? – TS

Articolo di
17 ottobre 2016, 11:30
Miranda

Secondo quanto si legge sull’edizione odierna di “Tuttosport”, l’Inter oggi incontrerà Mauro Icardi in un duro faccia a faccia. In ballo una multa e la fascia da capitano, che potrebbe passare a Miranda o ad Handanovic. 

LA FASCIA – «L’Inter, come Tafazzi, riesce sempre a farsi male da sola. Nel surreale pomeriggio con psicodramma di San Siro, anche se può suonare come un paradosso, la sconfitta patita in rimonta col Cagliari è stata il male minore. Perché ieri l’Inter rischia di aver perso per sempre Mauro Icardi. Da ricomporre, non ci sarà solo la frattura con la Curva Nord (che ha chiesto al capitano di togliersi la fascia), ma pure con una società che ha condannato in modo netto l’ultima trovata mediatica della coppia WandaIcardi. Oggi ad Appiano ci sarà la Norimberga nerazzurra: da una parte Zanetti, Ausilio, Gardini e De Boer, dall’altra Maurito a cui verrà affibbiata una multa esemplare e, con tutta probabilità, tolta la fascia da capitano (Miranda e Handanovic i papabili per sostituirlo).

SOCIETA’ INFASTIDITAQuesto perché – al di là della querelle con la Curva (ieri – a tal proposito – dagli altri settori sono arrivati fischi verso i cori contro l’argentino), la società non ha gradito il fatto di essere stata tenuta all’oscuro della stesura di un’autobiografia (solo lì si poteva intervenire con un rattoppo) dato che Icardi e il suo entourage l’avevano intesa come un’iniziativa privata. Ancora più grave un’altra accusa che verrà mossa al giocatore: quella di non aver raccontato la verità, non essendoci nei rapporti della Digos menzione dell’episodio del bambino a cui Icardi avrebbe regalato la sua maglietta al termine dell’ormai celeberrimo 3-1 con il Sassuolo (Reggio Emilia, 1 febbraio 2015). Un capo ultrà – secondo la ricostruzione dell’argentino – avrebbe strappato il cimelio dalle mani del bambino tirandola al giocatore, reazione che avrebbe causato il cortocircuito con gli ultrà».

Facebooktwittergoogle_plusmail