Inter, è arrivato il momento di Icardi: servono i gol – TS

Articolo di
28 agosto 2016, 11:27
Icardi

Dopo un’estate trascorsa al centro delle voci di mercato, con mille polemiche a seguito, ed una prestazione insufficiente contro il Chievo Verona, per Mauro Icardi è arrivato il momento di tirare fuori i gol. A San Siro probabilmente sarà anche fischiato, tocca a lui trasformare i mugugni in applausi.

RINNOVO DA TOP PLAYER – Questo il racconto che si legge su “Tuttosport” riguardo Mauro Icardi: «In tribuna ci saranno pure Jindong Zhang, Erick Thohir (i due si sono presentati alla rifinitura) nonché Massimo Moratti (con cui hanno invece pranzato): Suning ha scommesso forte sul capitano, ordinando al ds Ausilio di chiudere le pratiche per il rinnovo così da silenziare i mal di pancia della signora Wanda. Icardi firmerà fino al 2021 guadagnando 5 milioni a stagione (bonus inclusi) con tanto di clausola rescissoria da 110 milioni valida solo per l’estero (un inedito a Milano), accordo che prevede una postilla legata alla qualificazione in Champions nelle prossime cinque stagioni (De Boer conta già di centrare l’obiettivo in questa): in quel caso il fisso sarebbe pari a 5 milioni con un altro milione legato ai bonus in cui avrebbero peso determinante i gol dell’argentino in Champions. Gli accordi presi verranno ufficializzati dopo la chiusura del mercato.

POLEMICHEL’accaduto – un trionfo per la Premiata Ditta Wanda&Mauro – ha procurato alcuni mugugni all’interno dello spogliatoio e il disappunto di molti tra i tifosi che non hanno gradito la battaglia del grano condotta da chi ha ereditato la fascia di capitano da Javier Zanetti dopo il breve interregno Ranocchia. Non a caso, proprio il vicepresidente ha provveduto (ai microfoni di Sportmediaset) a mettere in riga il connazionale: «Pensi a fare il calciatore e il capitano». Pupi è il primo a sapere che i tifosi dimenticano in fretta e, anche se esiste il rischio che oggi arrivi qualche fischio all’annuncio delle formazioni, tutto potrà essere abbuonato nel caso in cui Maurito dovesse riprendere il cammino là dove l’aveva lasciato, ovvero al 2-1 sull’Empoli (7 maggio) quando Icardi segnò il primo gol di giornata».

Facebooktwittergoogle_plusmail