Inter distrutta, gambe a pezzi: colpa di Mancini e de Boer?

Articolo di
26 novembre 2016, 12:44
de Boer Trustfull

Tra i tanti problemi, la gara contro l’Hapoel Be’er Sheva ha messo in evidenza una condizione fisica disastrosa. Secondo “Il Corriere dello Sport”, sarebbe conseguenza di un preparazione fisica insufficiente. Colpa di Roberto Mancini e Frank de Boer?

PREPARAZIONE FISICA E EX ALLENATORI – «Il problema è noto e affonda le radici in una preparazione estiva sbagliata come carichi di lavoro (troppi spostamenti, pochi allenamenti) e come organizzazione (la squadra in America, 7 nazionali a Riscone). Anche De Boer, però, non è esente da colpe: doveva rimettere in piedi il gruppo e le sue sedute sono state, a detta dei calciatori, più blande di quelle di Mancini. Risultato? La squadra corre un’ora o poco più e quando è chiamata a gestire le energie rimaste, va nel panico. Perché non ha elementi in grado di tenere il pallone o di abbassare i ritmi e perché c’è poco movimento senza palla. A Beer Sheva il secondo tempo è stato emblematico e mortificante per una squadra come l’Inter. Per questo Pioli ha urlato».