Inter, de Boer salva il carattere: in campo 11 Medel – GdS

Articolo di
21 ottobre 2016, 16:58
medel southampton

L’unica cosa che è piaciuta a Frank de Boer, ed anche al pubblico, è stato l’atteggiamento della squadra. Contro il Southampton l’Inter ha messo in mostra undici Medel ed un gioco assolutamente scadente. Questo racconta la “Gazzetta dello Sport”.

NUMERI SCHIACCIANTI«Una folgore nel buio: il gol partita di Candreva è giusto definirlo così. Perché l’Inter ha conquistato i tre punti con un solo tiro. Formidabile, certo, una esecuzione perfetta, spettacolare. Ma figlia unica. Il che significa che è vietato illudersi sulla cifra di gioco prodotta, bassa, come documentano le crude cifre. Il Southampton ha fatto registrare superiorità nel possesso palla sia nel primo (51.8%) che, soprattutto, nel secondo tempo avendo schiacciato l’Inter in area dopo aver subito il gol (58.6 contro 41.4). Questo assedio inglese è stato alimentato da 19 cross (a 9) e da un centinaio di passaggi in più dei nerazzurri (507-415) che hanno poi prodotto le occasioni da rete sventate da Handanovic. Gli ospiti si sono fatti preferire nelle verticalizzazioni (167 a 135) e nei passaggi filtranti (5-0) laddove i nerazzurri hanno piazzato più sponde (22-18) e più dribbling (10-6).

TANTI MEDEL –  Continuando ad esaminare il rapporto sul match si ricava in modo chiaro qual è stata la caratteristica collettiva preminente dalla quale De Boer può trarre motivo di soddisfazione: tutta la squadra si è battuta col coltello tra i denti. Undici Medel (il pitbull) o quasi. Se il cileno è il più bravo fra i 22 nei contrasti (4) e il più bravo tra i nerazzurri quanto a palloni recuperati (5, come quelli intercettati da Murillo), l’allenatore olandese ricaverà conforto dal dato collettivo relativo appunto ai contrasti. I nerazzurri hanno vinto il 67% dei duelli più roventi il che significa che ci hanno messo grande grinta. Volevano portare a casa questo successo che li rilancia per la qualificazione».

Facebooktwittergoogle_plusmail