Il saggio Candreva: qualità e quantità al servizio dell’Inter – GdS

Articolo di
14 agosto 2016, 12:28
Candreva

Contro il Celtic Glasgow Antonio Candreva, neo acquisto interista, si è distinto come uno dei migliori in campo, segnando anche una rete di estrema bellezza. La “Gazzetta dello Sport” ha oggi ricordato alcuni retroscena legati alla trattativa con la Lazio, spiegando inoltre perché il centrocampista potrà essere un elemento prezioso per Frank de Boer

NESSUNA POLEMICA – “Quando nell’inverno scorso l’Inter lo voleva per riparare il mercato, andò da Lotito a chiedergli di esser lasciato libero. Il presidente non lo accontentò subito, ma gli chiese di lavorare ancora duro per la Lazio e che poi in estate lo avrebbe accontentato. La trattativa è stata comunque estenuante. Ma non ha mai voluto fare polemica o andare allo scontro come molti giocatori scelgono di fare in situazioni simili. Merito di Antonio (che all’Inter nei ritiri divide la camera con Tommaso Berni) e merito di Federico Pastorello, il suo agente, paziente e saggio, che non ha mai voluto alzare i toni.”

DUTTILITA’ PREZIOSA – “Candreva ha il vantaggio di unire qualità e quantità. Ecco perché piace a tutti gli allenatori che ha avuto in carriera. Sulla fascia destra viaggia con la linea laterale come compagna preferita, ma non si nega per corse di sacrificio. Il 4-2-3-1 diventa facilmente un 4-4-2 come ha dimostrato l’ultima mezzora di ieri quando il tecnico olandese lo ha abbassato di qualche metro in presenza di Jovetic più vicino a Icardi. Soluzioni varie che permettono a De Boer di variare anche in base all’avversario.”

Facebooktwittergoogle_plusmail