Il rosso a Gonzalo discutibile ma non campato in aria – Sky

Articolo di
29 novembre 2016, 14:45
Gonzalo

Lorenzo Fontani di Sky Sport ha analizzato l’arbitraggio di Antonio Damato e dei suoi collaborati, autori di alcune decisioni discutibili durante il posticipo tra Inter e Fiorentina tra cui l’espulsione di Gonzalo Rodriguez.

MALE DAMATO – «In tre occasioni le scelte dell’arbitro scontentano i viola: poco prima del gol dell’3-1 di Kalinic manca un rigore alla Fiorentina quando sugli sviluppi di un angolo Miranda viene anticipato da Gonzalo e rinvia il piede dell’avversario invece del pallone. Nel finale del primo tempo discutibile ma non campata in aria la decisione di Damato, in condivisione con l’addizionale Doveri, di espellere lo stesso con Gonzalo per un fallo fuori area, e quindi fuori anche dalle novità sulla tripla sanzione, su Icardi. L’occasione da gol per l’argentino magari non è chiarissima ma c’è. L’azione del gol del 4-2 che chiude la gara nasce da un fallo non rilevato al limite dell’area nerazzurra di Ranocchia ai danni di Chiesa, dopo la rete di Icardi Sousa applaude sarcasticamente l’arbitro, dal replay si vede che il difensore dell’Inter tocca troppo poco pallone e troppo avversario per non essere colpevole. Per il resto l’arbitro non convince quando non ammonisce Brozovic che frena una ripartenza di Borja Valero e quando concede il vantaggio all’Inter per un fallo di Salcedo su Banega ma poi ne accetta la rinuncia da parte di Candreva. Giusto invece il solo giallo per Miranda: la mano in faccia a Ilicic è un gesto imprudente ma non grave. Nel finale manca l’ammonizione a Perez dopo l’opportuno vantaggio concesso quando l’americano si tuffa senza subire fallo da Miranda».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Riccardo Melis

Riccardo Melis

Riccardo Melis (Cagliari, 1990), studente universitario quasi laureato (si spera) in Scienze della Comunicazione; adora leggere, parlare e sopratutto scrivere di calcio e cinema. Tifoso dell’Inter da quando aveva otto anni, ha superato brillantemente i suoi primi anni di tifo, più neri che azzurri, senza che la sua fede verso questi colori fosse scalfita di una virgola.