Il presidente del Cesena Lugaresi: “Thohir? E’ uno scorpione!”

Articolo di
27 giugno 2015, 17:23
Thohir

Gli acquisti effettuati dall’Inter negli ultimi giorni hanno impressionato molti addetti ai lavori, convinti che la squadra nerazzurra, costretta alle limitazioni del Fair Play Finanziario, avrebbe compiuto un mercato di basso profilo. Erick Thohir ha però spiazzato tutti e ora molti si interrogano sul Presidente indonesiano, che ha mostrato di voler realmente perseguire un progetto che riporti l’Inter a lottare per obiettivi ambiziosi.

CONTINUE IRONIE – Sebbene non rilasci molte interviste ai media italiani e preferisca comunicare attraverso il sito ufficiale, Thohir sembra destinato a essere continuamente al centro dell’attenzione. Prima oggetto di ironie sconfinanti nel razzismo, da parte del presidente Massimo Ferrero della Sampdoria e del neo presidente dell’ENIT Evelina Christillin, da sempre molto vicina alla famiglia Agnelli, poi messo sotto indagine dal Corriere della Sera per la sua gestione economica dell’Inter, mostra di non ascoltare le continue critiche e prosegue la sua campagna di rafforzamento.

 MODO DI RAGIONARE DIVERSO – Il presidente del Cesena Giorgio Lugaresi, intervistato dal Giornale, ribatte così alla domanda su quale animale possa incarnare meglio lo spirito del presidente interista.
Se dovessi raffrontare Erick Thohir a un animale? È lo scorpione.
Vuole attraversare il fiume con la rana, che però è perplessa: “Perché poi tu mi pungi e mi uccidi”. “No, perché affogherei con te”. A metà lo fa davvero e si giustifica così: “Fa parte della mia natura”. Ecco, venendo dall’Asia, Thohir ha un modo di ragionare diverso, tutto suo, e allora o ci adeguiamo noi a lui o lui a noi, non si scappa…