Icardi trascina l’Inter, batte Higuain-Dybala: capitano vero

Articolo di
19 settembre 2016, 11:41
Icardi

Mauro Icardi è stato protagonista assoluto della sfida tra Inter e Juventus. Il capitano ha trascinato i nerazzurri con un gran gol e uno stupendo assist. “La Gazzetta dello Sport” analizza la sua prestazione, ma anche la sua trasformazione umana e tecnica

LEADER ASSOLUTO – «Sette gol in otto partite alla Juve, una leadership ormai solida, perché i numeri contano, ma ancora di più conta la reazione da capo e capitano. Questo ragazzo di 23 anni, rincorso per tutta l’estate dalle voci di mercato e dalle polemiche, spesso atteso e non compreso, a volte dato per inadatto al calcio che si pensava ultradisciplinato di Frank de Boer, si è preso in maniera definitiva l’Inter in pochi minuti, pareggiando il gol di Lichtsteiner, ma soprattutto mantenendo un atteggiamento maturo, la corsa fluida, la capacità di pungere intatta».

SFIDA ARGENTINA – «Era una partita argentina e l’ha vinta lui. Non c’è stato un tango a distanza con Higuain, a lungo in panchina, ma un ballo solitario e poi sfrenato. È uscito mogio dal confronto Dybala, è uscito trasfigurato Maurito, finalmente adulto, totalmente leader, decisamente calato nel progetto di De Boer».