Icardi e Perisic, all’Inter servono i leader – GdS

Articolo di
11 settembre 2016, 10:49
Icardi Perišić Inter-Palermo

La “Gazzetta dello Sport” scrive che tocca ai giocatori dell’Inter dare un segnale sul campo. In particolare serve che diano un messaggio Mauro Icardi e Ivan Perisic, due dei migliori giocatori della squadra.

SERVONO I LEADER – Alla fine tocca sempre a loro, ai giocatori. Frank de Boer ha avuto poco tempo e in Italia il tempo non abbonda nel calcio. Ecco perché alla fine tocca sempre a loro, ai giocatori. E in questo momento in casa Inter tocca soprattutto a Mauro Icardi e Ivan Perisic.

GOL CON CONTINUITA’ – Il capitano dell’Inter ha un curriculum piacevole contro il Pescara: 2 partite, 4 gol segnati. Tutti in un’unica soluzione, il 27 gennaio del 2013. De Boer si accontenta anche di meno, e in generale gradirebbe che il suo numero nove facesse il numero nove con regolarità. Dopo il gol al Palermo, chiede a Icardi un altro timbro. All’Inter che non vince fuori casa da 11 turni serve proprio il suo capitano.

DI NUOVO IN FORMA – Insieme a Icardi l’Inter ha bisogno del vero Perisic. Dopo la parentesi in nazionale il croato dovrà dimostrare di esserci pure dal punto di vista fisico per giustificare un suo utilizzo completo a Pescara questa sera. E poi c’è l’aspetto caratteriale, la sua presenza in campo e nello spogliatoio può risultare «pesante» in certi momenti. Ha il piglio del leader e non ha paura di prendersi responsabilità. Serve tradurlo sul campo.

SCARAMANZIA – In più c’è l’aspetto scaramantico. Icardi e Perisic, quando segnano insieme in campionato, portano solo buone notizie all’Inter. È accaduto due volte: prima il 3-3 di Verona in rimonta, poi la vittoria di marzo contro il Palermo 3-1.

 

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Giulio Di Cienzo

Giulio Di Cienzo

Giulio Di Cienzo, nasce a Milano e si costruisce negli anni una passione per il calcio equamente divisa tra razionalità e passione. La parte più calda sta in Sudamerica, l’unico tifo è per l’inter.