I tifosi da Brunico: “Shaqiri non deve andare!!”

Articolo di
12 luglio 2015, 19:51
SHAQIRI TIFOSI

Abbiamo approfittato del pomeriggio di riposo a Brunico per intervistare alcuni tifosi che nonostante l’assenza della squadra sono rimasti nella zona del campo sportivo per godersi alcune delle attività offerte dagli sponsor o semplicemente per rilassarsi e approfittare del poco “traffico” all’Inter Store per fare acquisti.

Il primo che intercettiamo è Luca, che non ha dovuto fare molti km per vedere da vicino i suoi idoli, venendo da Bolzano:

“Mi piace la squadra che l’Inter sta allestendo, il mercato è stato importante e sono stati spesi tanti soldi e sono quindi arrivati anche giocatori di livello: arrivando giocatori del genere, si spere che arrivino anche trofei importanti

“Qua a Brunico c’è un’organizzazione strepitosa, il ritiro è fantastico e mette a contatto i giocatori coi tifosi: i giocatori sono qui sopratutto per allenarsi, non di certo per fare autografi e cose del genere, ma è stato organizzato veramente bene

“La prossima stagione mi aspetto molto da Icardi e Kondongbia, è una squadra giovane e ci sono tanti giocatori interessanti, anche Kovacic può esplodere e ovviamente voglio che rimanga mentre non vedo utile Guarin all’organico e alla squadra dell’Inter, anche pensando a quello che Mancini vorrebbe mettere in piedi: se decide di rimanere mi farà piacere ma se andrà via non mi metto di certo a piangere.

“Shaqiri ha un potenziale enorme ma vedendolo allenare in questi giorni non mi è sembrato questo fenomeno che molti si aspettavano che fosse e quindi è giusto che vada anche per liberare un posto in rosa e aprire altre possibilità di mercato, a me piacerebbe che arrivassero Salah e Jovetic, Perisic non lo conosco bene ma a quanto ho letto è valido“.

Sentiamo poi Francesco, milanese e calciatore in erba che dice di essere forte quanto Gnoukouri “io gioco nel suo ruolo!” e poi continua “Credo che questa sarà una stagione molto importante perché sono arrivati dei nuovi calciatori molto giovani e poi stiamo facendo un bel mercato: sono molto dispiaciuto che Shaqiri vada via, per me è forte ed è molto giovane, deve ancora esplodere, lo avrei tenuto e gli avrei dato almeno un’altra chance fino a gennaio

“Guarin deve rimanere perché è un giocatore fortissimo, dovrebbe giocare titolare con Brozovic, Kovacic e Medel o Kondongbia, dipende da che idee ha Mancini”

“I giocatori più forti che abbiamo sono Icardi, Kovacic e D’Ambrosio...” “Pensi che D’Ambrosio sia davvero così forte?” lo interrompiamo noi “Sì, secondo me se Mancini ci lavora su e crescerà mentalmente potrebbe diventare un terzino di livello, invece a sinistra farei giocare Santon

“Mi piace l’atmosfera che c’è qui in ritiro, anche perché i giocatori sono molto disponibili e si fermano sempre a fare autografi a noi tifosi, sopratutto si fermano coi ragazzi disabili e questo mi piace molto, credo che sia giusto”.

Incontriamo poi Riccardo, che per vedere i suoi beniamini è venuto in Alto Adige fin da Napoli, il suo idolo non è nè Icardi nè Kondongbia nè Kovacic, ma Gnoukouri:

“Per me lui è il miglior acquisto che abbiamo fatto” “Ma viene dalla primavera…” “Ma hanno capito che hanno in casa un grande giocatore: è inutile che vadano a cercare tutti questi centrocampisti, se fossimo all’Arsenal Gnoukouri sarebbe già titolare da un anno, quindi facciamo giocare chi se lo merita e chi ha prospettive, che mi sembra che lui ne abbia tante, e poi diamo fiducia anche ai nuovi: Miranda, Murillo…anche se non mi piace…” “Non ti piace Murillo? Nonostante la Copa America che ha disputato?” “No, non credo poi che la Copa America sia un torneo dove si possano fare valutazioni serie, Medel sembrava Franco Baresi, Valdivia sembrava Ronaldinho…Ha giocato bene ma aspettiamo ancora un po’…”.

“Non mi aspetto molto da quest’anno, nel senso che non voglio farmi illusioni o aspettative che poi non verrano rispettate, però credo che abbiamo l’obbligo di arrivare nei primi tre

“L’anno scorso Mancini mi ha deluso tantissimo, ha fatto davvero male, ha promesso cose che non è stato in grado di mantenere, ha sbagliato la valutazione di molti giocatori, ma non parlo di nuovi acquisti, parlo di quelli che già c’erano…”

A questo punto domandiamo:”E pensi che abbia sbagliato l’acquisto di Shaqiri, visto che ora è già sul mercato? Ti spiace che se ne vada?”

Se arriva uno più forte può anche andare, sennò è meglio che resti. A me piacerebbe un bell’attacco con Salah a destra, Icardi centrale e Perisic a sinistra, perché secondo me se va via Shaqiri possono arrivare entrambi

“Guarin? Io spero che se ne vada perché non mi piace, ma non voglio che al suo posto arrivi Felipe Melo…e poi a centrocampo abbiamo già Gnoukouri!!”.

L’ammirazione di Riccardo per Gnoukouri è tale che ha già comprato la sua maglia, e non è stato comunque l’unico perché ieri nella folla che assisteva alla partita avevamo già scorto un paio di maglie del giovane ivoriano, che a quanto pare sta entrando nel cuore dei tifosi.

Incrociamo poi Fabrizio, da Milano: “Da questa stagione mi aspetto un miglioramento da quella precedente, mi sembra il caso di migliorare: sarà una stagione interessante, ma dobbiamo fare un passo alla volta, dobbiamo calcolare gli obiettivi passo per passo, senza fare troppi voli pindarici

“Trovo la campagna acquisti molto positiva, anche perché è la prima vera campagna acquisti dopo anni di magra e il nostro obiettivo deve essere la qualificazione in Champions League perché credo che per lo scudetto la Juve sia ancora troppo superiore al resto delle squadre: l’unico rivale della Juve per la vittoria finale è la Juve stessa, se crolla allora le altre possono avere qualche speranza,  anche l’Inter,  ma soprattutto il Milan se prenderà Ibrahimovic o la Roma, che comunque è una buona squadra già collaudata da un paio di anni. Comunque è presto per parlarne perché ancora le rose delle squadre non sono definitive

“Avrei dato un’altra chançe a Shaqiri, mi spiace molto che vada via, ma credo che abbiano fatto delle valutazioni per il bene della squadra

“Io spero che Guarin vada via perché è un giocatore che non ti cambia niente nella squadra, e rimanendo vieta l’arrivo di altri giocatori perché ha un ingaggio troppo pesante, poi è troppo discontinuo e non è mai stato nè utile nè decisivo come si ci aspettava tre anni fa quando è arrivato

“Penso che l’arrivo di Kondongbia sia molto importante, anche perché darà modo a Kovacic di esprimersi al meglio, liberandolo da tanti compiti e quindi io spero che rimanga, perché è molto giovane e tutto può cambiare da un momento all’altro

“Icardi è stato il protagonista della scorsa stagione e sicuro lo sarà anche di questa: è molto decisivo e per me è sottovalutato, lo descrivono come un ‘bad boy’ ma in realtà è non lo è, pur essendo molto giovane è diventato capocannoniere

“Fra i nomi che si fanno io spero arrivi Jovetic, ma deve essere integro, in forma…Salah non mi piace, credo che sia stato un fuoco di paglia. In alternativa a Jovetic va benissimo Perisic“.

L’ultimo tifoso che intervistiamo è Stefano di Verona:

“Questa non potrà essere una stagione deludente come le ultime tre: credo che abbiamo visto una delle Inter più brutte e imbarazzanti della storia, quindi questa deve essere per forza la stagione del riscatto”

“Non parliamo di grandi obiettivi, il nostro obiettivo deve essere la Champions, anche per coprire gli investimenti che abbiamo fatto e attirare giocatori più forti, anche se comunque c’è Mancini che li convince tutti!

“Io non sono uno di quei tifosi che critica Mancini e non mi piacciono quelli che lo paragonano a Mazzarri perché quella non era la sua squadra: credo che comunque abbia sbagliato molte cose, soprattutto ha fatto promesse come quella della Champions, e poi si è reso conto che non era possibile

Mi spiace che se ne vada Shaqiri, perché ero convinto che lui e Brozovic sarebbero stati due giocatori importanti nell’Inter che verrà. Brozovic mi piace molto, è titolare nella Croazia e ha giocato un mondiale, per me può diventare un gran giocatore e anche Shaqiri credo sia molto forte, forse se lo cedono ci sono delle ragioni particolari, forse pure tattiche perché ha dimostrato che non può giocare esterno, credo sia più un trequartista o seconda punta”

“Io adoro Kovacic, per me esiste lui e altri dieci: ha delle pecche, sopratutto a livello personalità, e poi sa giocare in un solo ruolo, sicuramente deve migliorare e impegnarsi di più. Mi piacerebbe molto vederlo regista ma non sa giocare molto di prima, per me invece non è assolutamente un trequartista!”

“Adoro Icardi, dai tempi della Samp, e quando è arrivato ero contentissimo, perché credo che di attaccanti della sua età così forti non ce ne siano molti in giro, è stato capocannoniere della Serie A nonostante non giocasse in una squadra forte, quindi non immagino cosa possa fare in una squadra più forte, perché la stoffa c’è

“So che per la regola degli extracomunitari non possiamo prendere sia Salah che Jovetic, ma io se si potesse li prenderei entrambi, anche se Jovetic si infortuna spesso, non so se Guarin libererebbe lo slot, io comunque è da due anni che spero che sia ceduto, perché non mi è mai piaciuto, però non vorrei Felipe Melo al suo posto. Serve un regista al posto di Medel, dobbiamo trovare uno in quel ruolo. In rosa avremmo Gnoukouri ma è troppo giovane e non può reggere tutto l’anno da titolare”

“Mi piace molto l’atmosfera che c’è qua in ritiro: c’è entusiasmo fra noi tifosi e sono stato anche lo scorso anno a Pinzolo ma vedo che qui c’è più gente, il Village è più grande, anche il campo dove hanno fatto la partita ieri è più grosso. Forse dovrebbero mettere qualche attrazione in più per gli adulti, poi Mancini adora Brunico e mi è piaciuta molto la sessione di autografi che hanno fatto questa mattina a fine allenamento, ho visto un Hernanes scatenato, pure Palacio, Santon Juan Jesus…pure Shaqiri nonostante vada via! È davvero molto bello“.

Entusiasmo alle stelle quindi a Brunico per l’Inter, anche se i tifosi, dopo le delusioni degli anni scorsi, non vogliono farsi troppe illusioni e preferiscono rimanere coi piedi per terra.

La speranza è che l’Inter possa farli tornare a sognare come qualche anno fa.