Handanovic decisivo per le sorti dell’Inter!

Articolo di
4 dicembre 2014, 19:10
handanovic

Smantellati questa estate gli ultimi reduci del triplete, L’Inter non ha più in rosa campioni che possano veramente definirsi tali. L’unica eccezione è forse rappresentata da Handanovic. Il portiere, che ha parato sei rigori di fila in questo scorcio di stagione, è il giocatore veramente decisivo della squadra di Mancini. Le sue parate, infatti, oltre a intimorire gli avversari, hanno portato punti preziosi nel carniere nerazzurro. E alla fine questi punti certamente peseranno.

Mancini lo ha capito subito: in coppa ha preferito senza esitazioni lo sloveno a Carrizo, infrangendo la tradizione di Mazzarri che voleva l’argentino titolare in Europa League. Il tecnico jesino se lo coccola perché sa benissimo che in questo momento Handanovic rappresenta il giocatore di qualità più elevata. E anche con più mercato.

Il problema è che il numero uno interista potrebbe lasciare la Beneamata per approdare in qualche altro club prestigioso che in questo momento lo sta cercando fuori dai confini nazionali. I corteggiatori non mancano. Ora bisognerà vedere cosa sarà in grado di mettere sul piatto la dirigenza per fare in modo da trattenerlo.

Il contratto del portiere scade nel 2016. Con un ritocco di ingaggio e un prolungamento fino al 2018 l’Inter potrebbe assicurarsi le prestazioni di Handanovic anche per i prossimi anni. Questa è però la base di partenza. A quanto si intuisce, Handanovic, più che alle cifre, che sono comunque importanti, è interessato al progetto.

Venuto all’Inter per vincere qualcosa, non ha ancora centrato trofei. Allora bene farebbe la società di Corso Vittorio Emanuele a varare programmi in grado di convincere Handanovic a legarsi all’Inter per i prossimi anni. Come? Prendendo giocatori funzionali alla causa e che consentano alla squadra di fare il salto di qualità.

In pratica Thohir dovrà investire, non potendo più permettersi di attendere oltre con l’attenuante del ripianamento del bilancio con il rischio di perdere il pezzo pregiato della casa. Sarà questo l’unico modo per dare un senso di concretezza ai propositi di costruire una grande squadra e offrire sicurezza al portiere. Che le grandi manovre abbiano inizio. A cominciare da gennaio.

Facebooktwittergoogle_plusmail