Graziani: “Wanda Nara? Stesse zitta, momento Inter difficile!”

Articolo di
24 febbraio 2018, 00:58
Graziani

Francesco Graziani se l’è presa con Wanda Nara per l’intervista rilasciata l’altro giorno al quotidiano “Il Corriere dello Sport”. L’ex attaccante, ospite di “YouPremium Weekend” su Premium Sport, ha poi parlato di cosa deve fare Luciano Spalletti per far sì che l’Inter esca dal momento negativo.

PROFILO BASSO – «In questo momento anche Wanda Nara stesse un po’ zitta, perché il momento dell’Inter è difficile. C’è bisogno di venir fuori con quelle dichiarazioni? Anche Mauro Icardi parli col suo agente alias sua moglie e madre dei suoi figli, falla stare zitta un attimo in questo momento particolare della stagione. Le cose non vanno bene, profilo basso, non metti in difficoltà nessuno. Io conosco Luciano Spalletti e non è questo, se si potesse sfogare fa un casino che non finisce più ma purtroppo non lo può fare. Lui adesso è concentrato su due cose: migliorare la qualità della squadra e capire dove lui potenzialmente sta anche sbagliando, perché in qualche circostanza quando hai due esterni che vanno a due all’ora, Ivan Perišić e Antonio Candreva fanno sempre le stesse cose e non c’è un cambio di marcia, a quel punto l’allenatore magari dice di giocare con due punte. Spalletti le ha cambiate quando le situazioni erano disperate, come contro la Roma a venti minuti dalla fine ha cambiato un po’ di giocatori e messo in difficoltà la Roma. L’impegno che ha Spalletti è quello di dire di stare calmi, possono uscire da questa situazione solo con il lavoro, cercando di fare meglio. Se lui potesse dare sfogo alla rabbia che ha dentro tante cose verrebbero fuori. Il problema dell’Inter è che tranne Marcelo Brozović non ha centrocampisti che attaccano la profondità dentro l’area, ha Matías Vecino che ogni tanto prova a fare la fase offensiva ma non va a spaccare la difesa avversaria, così come non va Borja Valero o Roberto Gagliardini. Ha il centrocampo bloccato, se quelli davanti non fanno la differenza da dietro non c’è nessuno che va a fare gol e che si inserisce».







ALTRE NOTIZIE