Gnoukouri e la sua scalata: dalla bocciatura di Mancini al derby

Articolo di
1 maggio 2015, 22:41
Gnoukouri

E’ l’autentica sorpresa del finale di stagione nerazzurro: Assane Gnoukouri si è preso l’Inter a suon di grandi prestazioni in due dei match più difficili da affrontare per qualsiasi calciatore, contro Milan e Roma. Una personalità fuori dal comune, giocate di gran classe e un potenziale immenso: il futuro è tutto suo.

MANCINI BOCCIA GNOUKOURI…Gnoukouri ha conquistato tutti dalle parti di Appiano Gentile. In molti sono convinti che l’ivoriano abbia tutte le carte in regola per sfondare su qualsiasi palcoscenico e dettare i tempi del centrocampo nerazzurro del futuro. Il tutto sembra clamoroso se si pensa che fino a qualche tempo fa, come ha rivelato oggi lo stesso Mancini, il centrocampista non era nei radar del tecnico nerazzurro, che dopo averlo visionato aveva ammesso di non apprezzarlo in maniera significativa.

…MA POI CAMBIA IDEA – Il mediano incassa e risponde nel modo migliore possibile. A distanza di qualche settimana, arriva una prestazione praticamente perfetta nel centrocampo della Primavera di Vecchi, vetrina perfetta per conquistare per la prima volta Mancini. Da allora sono iniziati gli allenamenti in prima squadra e la scalata vera e propria di Gnoukouri verso la titolarità nel centrocampo nerazzurro. Dopo le due prestazioni perfette contro Roma e Milan, sembra passata un’eternità da quando il mediano era il vero e proprio architetto del centrocampo della Primavera. Gnoukouri si gode il momento con vista Chievo: è il momento di confermarsi il regista del futuro.