Gentile: “Tifosi Inter ben abituati, Spalletti deve accontentarli”

Articolo di
13 luglio 2017, 00:54
Riccardo Gentile

A “Calciomercato – L’Originale” il giornalista di Sky Sport Riccardo Gentile ha tracciato un profilo di Luciano Spalletti, nuovo allenatore dell’Inter: prima ha parlato delle sue qualità, poi di come ha lavorato alla Roma con Radja Nainggolan.

QUALITÀ DELL’ALLENATORE«Luciano Spalletti? È dirompente, fa parte delle sue caratteristiche, basta guardare non solo gli allenamenti ma anche le conferenze stampa. È un grande allenatore, un grande uomo di campo nella preparazione della squadra durante la settimana, nel far crescere i giocatori. Un difetto? Secondo me alcune personalità e alcuni grandi nomi da gestire li ha sofferti, un esempio è quello di Francesco Totti ma non solo, perché nel corso della sua carriera qualche problema con giocatori di spiccata personalità ce l’ha avuto. A Milano secondo me può contribuire a facilitare la sua tranquillità, perché è una piazza almeno all’apparenza più distaccata di Roma. Però occhio perché la tifoseria dell’Inter è ben abituata, dal palato raffinato, accontentarla per trentotto giornate non sarà facile neanche per lui. La prima mossa? Secondo me darà le chiavi del centrocampo a Borja Valero. Non adotterà un profilo più basso, è dirompente. Spalletti fa il suo secondo esordio con la Roma in Roma-Verona 1-1 e Radja Nainggolan segna il suo primo gol. Nainggolan da quando è in Italia ha segnato quaranta gol, in dodici anni di Italia, venti ovvero la metà nell’ultimo anno e mezzo con Spalletti. La trasformazione del ruolo, averlo portato più avanti, evidentemente ha portato qualcosa».