GdS: patto Inter-Milan per i due nuovi stadi. Pronti 500 milioni

Articolo di
1 luglio 2015, 09:21
inter

La “Gazzetta dello Sport” in edicola oggi racconta di un patto siglato tra Inter e Milan all’indomani delle scaramucce di mercato. Si tratta di un accordo per la realizzazione dei due nuovi stadi a Milano, un restyling di San Siro nerazzurro e l’impianto rossonero al Portello. Una società legata all’altra per un obiettivo comune

COMPATTEZZAInter e Milan, riporta Mario Pagliara, hanno deciso di correre compatti verso quel futuro per il quale l’agguerrita concorrenza nazionale (Juventus) ed estera non permette più di restare in sala d’attesa. L’orizzonte è lo stadio di proprietà, una prerogativa inserita in cima agli obiettivi dei rispettivi management nel piano industriale di entrambi i club per il prossimo quinquennio.

PATTO DI FERRO – Su questa base nasce un patto di ferro: il Milan vuole costruire un impianto nuovo al Portello mentre l’Inter intende sviluppare il nuovo San Siro. Sembrano due unità distinte, invece no, perchè sono due facce dello stesso piano. Con una premessa fondamentale: senza il Portello rossonero non ci sarà un Meazza esclusivo nerazzurro.

INVESTIMENTI – L’operazione riqualificherà due zone chiave, il cuore del quartiere San Siro e il Portello che cerca la sua vocazione dopo un passato industriale. E poi ci sono gli investimenti: costruire il nuovo stadio e ristrutturare il Meazza si traduce in un gettito di investimenti globali a carico dei club che si aggira sui 500 milioni, prefigurandosi come la più grande occasione di sviluppo per Milano dopo la cavalcata dell’Expo.

PROGETTI – I progetti dei due nuovi impianti sono stati già depositati in Comune. La filosofia sarà comune: saranno stadi salotti, con comfort altissimo, ma anche stadi bolge con capienze ridotte: 48mila posti per il Milan e 60mila per l’Inter. In particolare San Siro perderà il terzo anello con l’abbassamento del tetto per far risaltare la struttura di una volta. Usciti allo scoperto, Inter e Milan attendono risposte in un tempo ragionevolmente breve. Lunedì prossimo si riunirà il Comitato esecutivo di Fondazione Fiera di Milano, proprietaria dei fondi su cui dovrebbe sorgere l’impianto rossonero. Non è una partita dal risultato scontato ed è probabile che il vincitore arrivi al fotofinish. Per entrare in una nuova era i due club chiedono il “pass” alla Fondazione.