GdS: ecco l’Inter del futuro, in difesa c’è un muro

Articolo di
20 giugno 2015, 20:12
Mancini

Con il mercato nerazzurro che è entrato definitivamente nel vivo, cominciano le prime ipotesi per quella che potrebbe essere la formazione base di Roberto Mancini: un 4-2-3-1 con una difesa di mastini e un centrocampo rivitalizzato dall’arrivo di Kondogbia.

Dopo giorni di apatia, il mercato nerazzurro si è improvvisamente infiammando e piano piano i tasselli del puzzle di Roberto Mancini si stanno incastrando ai loro posti. Il tecnico aveva chiesto giocatori di alto livello e la società lo sta accontentando, arriveranno Murillo, Kondogbia e Miranda, domani potrebbe essere il giorno di Imbula e la sensazione è che non sia certo finita qua. Con il mercato che si infiamma cominciano ovviamente a circolare le prime ipotesi: l’Inter 2015/16 sarà una squadra radicalmente diversa da quella della stagione appena conclusa, come la farà giocare Roberto Mancini?

SI PUNTA SUL 4-2-3-1- Pare che il tecnico di Jesi voglia puntare sul 4-2-3-1, guardando la rosa compresi i nuovi arrivi mancano ancora alcuni tasselli ma il mercato è ancora lungo. La Gazzetta dello Sport ipotizza un 4-2-3-1 con il confermato Handanovic tra i pali e Santon-Juan Jesus ai lati di una difesa completamente nuova composta dall’esperienza e dal talento di Miranda e dalla freschezza di Murillo, senza dimenticarci Ranocchia e Vidic che partirebbero probabilmente dalla panchina. Il centrocampo sarebbe rivitalizzato dal talento e dalla potenza fisica di Kondogbia, che troverebbe l’assistenza di Brozovic. Alle spalle dell’unica punta Mauro Icardi dovrebbero trovare posto Shaqiri, Hernanes e Palacio e qua starebbe il dubbio più grosso: Palacio è in grado di reggere lo stress fisico di giocare da esterno? Forse i prossimi interventi di mercato riguarderanno proprio questo settore. Nel complesso la formazione ipotizzata dalla rosea sarebbe questa (in stampatello i nuovi): Handanovic, Santon, MIRANDA, MURILLO, Juan Jesus; KONDOGBIA, Brozovic; Shaqiri, Hernanes, Palacio; Icardi.

DILEMMA KOVACIC- Come si può notare è una probabile formazione priva di Mateo Kovacic. Non è un mistero che il centrocampista croato possa essere sacrificato per finanziare parzialmente la campagna acquisti importante che si sta mettendo in piedi, nel caso in cui Kova dovesse restare in nerazzurro potrebbe aprirsi il dilemma sulla sua posizione: sulla mediana insieme a Kondogbia? Nei tre sulla trequarti al posto di Hernanes? Il mercato è ancora lungo, staremo a vedere.