GdS: ci sono buoni motivi per l’Inter per evitare l’Europa League

Articolo di
28 aprile 2015, 08:03

Luca Taidelli, inviato della “Gazzetta dello Sport”, indica dei buoni motivi per cui l’Inter dovrebbe essere felice di non partecipare alla prossima Europa League. Vediamo insieme il dettaglio:

FAIR PLAY FINANZIARIO – In caso di qualificazione ai preliminari di EL, inizia Taidelli, le sanzioni (multa, riduzione della rosa a 21 giocatori e limitazione del mercato) verrebbero applicate subito. Viceversa, rimarrebbe solo il congelamento dei premi maturati quest’anno in Europa League.

TECNICO – La mancata qualificazione potrebbe consentire a Mancini e all’Inter di pianificare meglio, con un solo incontro a settimana, la ricostruzione. Inoltre a giocatori come Tourè, ad esempio, poco importerebbe non giocare quella competizione a fronte della possibilità di vedere crescere un nuovo progetto.

ASIAE poi c’è la “gita” in Asia da non sottovalutare: l’Inter prevede, al momento attuale, il ritiro a Riscone (5-15 luglio) e la partenza per Shanghai dove affronterà il Bayern Monaco in un’amichevole di lusso. Poi la International Cup con Milan e Real Madrid. Un’eventuale qualificazione al preliminare di Europa League comporterebbe un frettoloso rientro per giocare il 30 luglio.

GUADAGNO – La partecipazione al “pacchetto asiatico” comporterebbe per l’Inter un introito di circa 3,5 milioni, appena 2 milioni in meno di quanto ha fruttato, nell’ultima stagione, arrivare fino all’eliminazione con il Wolfsburg…