Galante: “Pioli può portare nuove idee. Icardi fondamentale”

Articolo di
20 novembre 2016, 15:03
Galante

La redazione di “All Soccer News” ha intervistato Fabio Galante per parlare del derby di Milano, una partita che l’ex difensore ha giocato sei volte senza mai perdere. Tra gli argomenti affrontati anche l’arrivo all’Inter di Stefano Pioli.

IMBATTUTO NEL DERBY – «Penso di essere stato molto fortunato perché nei mie 3 anni all’Inter ho giocato 6 derby senza perderne nessuno in campionato, ovviamente era un periodo dove l’Inter trascinata da Ronaldo era un po’ più forte del Milan, però ho sempre bei ricordi. Ho affrontato tanti campioni come Sheva, Albertini, Weah, Bierhoff, Maldini. Il ricordo più bello comunque rimane il non aver mai perso».

RONALDO – «Ho avuto sempre un buonissimo rapporto con lui, penso di esser stato il giocatore che agli inizi ha legato più di tutti con lui. Era un ragazzo splendido, ci vedevamo pure fuori dal campo, uscivamo insieme era un ragazzo molto simpatico, in campo quando entrava lui noi già eravamo sicuri di partire con un goal di vantaggio, fenomeno era l’appellativo perfetto per lui».

CHI LA DECIDE – «Sicuramente Bacca e Icardi perché sono due giocatori fortissimi e la decideranno quasi sicuramente loro la partita, sono fondamentali per le proprie squadre e se saranno in forma vedremo un grandissimo derby».

PIOLI – «Penso che sia stata la scelta più giusta, sia a Roma con la Lazio che col Bologna ha fatto vedere un bel gioco e quindi prendendo una squadra in corsa con bravissimi giocatori può portare nuove idee, sperando che il suo metodo di gioco sia capito subito, ormai non c’è tanto tempo».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Riccardo Melis

Riccardo Melis

Riccardo Melis (Cagliari, 1990), studente universitario quasi laureato (si spera) in Scienze della Comunicazione; adora leggere, parlare e sopratutto scrivere di calcio e cinema. Tifoso dell’Inter da quando aveva otto anni, ha superato brillantemente i suoi primi anni di tifo, più neri che azzurri, senza che la sua fede verso questi colori fosse scalfita di una virgola.