Galante: “L’Inter non ha la testa libera”

Articolo di
25 novembre 2016, 21:07
Galante

L’ex difensore nerazzurro analizza ai microfoni di TMW Radio la situazione attuale dell’Inter sostenendo ci sia un problema di testa, ma ha comunque fiducia nel tecnico Pioli e nella qualità della rosa a sua disposizione

IL KO IN EUROPA LEAGUE- “E’ difficile capire bene cosa scatta nella testa dei calciatori. Nella prima frazione c’è stata solo una squadra in campo, sembrava una gara facile. La ripresa è stata nettamente diversa. Preso il primo gol, è arrivata la preoccupazione. Quando non c’è la testa libera, un calciatore può offrire una brutta prestazione. Nel finale, così è stato”.

HANDANOVIC-
“Peccato per la prima ammonizione, arrivata per aver perso tempo. Da ds, quella è una ammonizione che mi fa arrabbiare. Come capita a un attaccante che si fa punire quando fa gol e si toglie la maglia. Handanovic è stato sfortunato, ma il regolamento è quello”.

PIOLI L’UOMO GIUSTO?- “Parto dal presupposto che il tecnico dell’Inter ha a disposizione calciatori di grande spessore. Un mister, alcune volte, è avvantaggiato sul lavoro psicologico con i campioni rispetto a quello che allena in altre categorie. Pioli è un allenatore che ha esperienza in Italia e con calciatori che hanno disputato tanti campionati. Pioli è un buon allenatore, può essere la persona giusta per l’Inter in questo momento”.

MURILLO UN PROBLEMA?-
“Miranda e Murillo sono ottimi difensori centrali. Hanno tutto per fare bene. Ogni tanto, però, può capitare qualche errore. Anche se alcuni gol arrivano per l’errore di tutti e non solo da parte della difesa. Ma i difensori nerazzurri, se messi nella condizione di fare bene, sono ottimi elementi. L’Inter ha una buonissima squadra in tutti i reparti. Ma non bisogna ragionare con i singoli, ma esaminare la squadra. L’Inter deve ritrovare la squadra in sé”.

QUALI RINFORZI PER GENNAIO?-
“Difficile dirlo, perché ritengo l’Inter completa in ogni reparto. Ci sono elementi come Icardi, Banega, Joao Mario e tanti altri che sono ottimi calciatori. Credo che non ci sia una esigenza particolare”.

DIFFERENZE TRA INTER E MILAN-
“Montella ha portato serenità al Milan, poi i risultati aiutano la squadra. All’Inter non sono arrivati i risultati, anche il minimo problema sembra irrisolvibile. Al Milan, invece, i discorsi societari sono considerati di meno in questo periodo visto l’ottimo lavoro del tecnico e della squadra”.

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Alessandro Cocco

Alessandro Cocco

Nato e cresciuto in Sardegna, vive attualmente a Roma dove studia storia moderna e contemporanea presso l'Università Sapienza. Tifa Inter fin da bambino, ma segue con attenzione anche il calcio estero dove le sue squadre "simpatia" sono Liverpool, Atletico Madrid ed Hercules Alicante (per l'unico motivo che ad Alicante ci ha vissuto un anno durante il suo erasmus). Scrive anche su bundesligapremier.it