Gabigol deluso dal suo inizio all’Inter: ecco la domanda postasi

Articolo di
24 ottobre 2016, 22:44
Gabigol

Non bastava il caos intorno a Icardi prima e de Boer poi, adesso l’Inter deve tenere in considerazione anche il presunto “mal di pancia” dell’ultimo arrivato: secondo quanto riportato da Fabrizio Romano – giornalista di “Sky Sport” – per il portale “CalcioMercato.com”, Gabigol inizia a mostrare segni di insofferenza

GABIGOL DELUSO – Tra i tanti casi nati nelle ultime settimane in casa Inter, spicca in particolare il volto scuro di Gabriel “Gabigol” Barbosa, praticamente sparito dopo l’arrivo a suon di milioni dal Santos e il debutto nei minuti finali contro il Bologna. Dall’entourage del classe ’96 brasiliano filtra che è tutt’altro che felice del suo scarso utilizzo e del mediocre inizio stagionale dell’Inter: le motivazioni sono diverse, l’insoddisfazione comune. I circa 30 milioni di euro investiti dal gruppo Suning meritano più di una semplice giustificazione per il momentaneo inutilizzo iniziale, almeno secondo il punto di vista brasiliano.

PRIMI DUBBI – Le persone che curano gli interessi di Gabigol non si spiegano la situazione attuale creatasi all’Inter, facile capire che proprio lui sia insoddisfatto dell’utilizzo che (non) ne fa Frank De Boer: dopo un inizio fiducioso, l’insistenza con cui de Boer sottolinea che Gabigol “non è ancora pronto per il calcio europeo” non ha fatto piacere al campione olimpico brasiliano. Per questo motivo nelle ultime ore Gabigol si sta ponendo alcuni interrogativi, tenendo in considerazione ingaggio (da top player), tempistiche (affrettate) e illustri paragoni (è stato scomodato perfino Ronaldo, ndr).

DOMANDA E SPERANZA – La domanda che si pone Gabigol in queste ore può essere riassunta così: “perché De Boer mi considera ancora fuori dai giochi e perché l’Inter ha fatto di tutto per prendermi subito anziché farmi terminare l’anno solare al Santos?“. Le motivazioni che hanno portato Gabigol immediatamente in Italia sono legate soprattutto all’ambientamento ma, se deve pagare con l’eterna panchina per evitare di essere bruciato anziché dare spettacolo in Brasile, questo non gioca assolutamente in suo favore dal punto di vista della crescita. Gabigol ha voglia di giocare per dare tutto se stesso per l’Inter e spera che tutto si sblocchi nel più breve tempo possibile.

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Andrea Turano
Nato nell’era Bagnoli, ma svezzato da Simoni, vive la sua vita in nero e azzurro. Parla di Inter ventiquattro ore al giorno, nel tempo libero si limita a scrivere, sempre di Inter. Sogna di lasciare un ricordo indelebile nella storia della Beneamata, come Arnautovic. E’ un tifoso sfegatato come tanti, ma obiettivo come pochi.