Filucchi: “Eto’o, Arnautovic e il coro Triplete. Borriello e Sau…”

Articolo di
16 ottobre 2016, 14:08
Filucchi Moratti

Stefano Filucchi, ex dirigente dell’Inter e ora vice presidente del Cagliari, ha rilasciato un’intervista alla “Gazzetta dello Sport” dove ricorda gli anni in nerazzurro e parla del match di oggi. Queste le sue parole

PARTITA – «Obiettivo oggi? Mostrare quel che facciamo al Sant’Elia. Puntiamo alla salvezza, ma in classifica proveremo a stare a sinistra. E abbiamo grandi progetti, dal vivaio al nuovo stadio. Per me San Siro è un’emozione forte. Abbiamo assenze pesanti, servirà attenzione e grinta. L’Inter cerca l’equilibrio. I due Marco possono far male. Borriello si allena come un debuttante e in ritiro alle 7 è già in piedi per passeggiare».

MORATTI – «Ci sentiamo da 15 anni. Ero al dipartimento di Polizia, debuttai nel 2003, con Zaccheroni: ricordo un 3-­1 alla Juve di Lippi al Delle Alpi. Moratti mi stringe forte, ci commuoviamo. Da allora, battaglie, fatica e trofei. Ritorno? La situazione è in evoluzione. Lui è il primo fan dell’Inter, ne ha scritto la storia e i successi, pensa al bene del club».

TRIPLETE – «Cosa ricordo del Triplete? Mourinho dopo Inter-­Barcellona e le facce di Milito e Cambiasso. A Dessena capitano, ho detto che l’avrei chiamato Capì, come urlavo a Zanetti. Il giorno della finale a Madrid, a tavola per la merenda delle 17. In silenzio, Arnautovic va da Eto’o, gli canta l’inno che gli dedicavano a Maiorca. Mou si irrigidisce. Ma lascia fare. Dopo un attimo la squadra con le posate ritma il coretto: il nostro urlo di guerra. In quel momento ho capito che avremmo vinto».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Crescenzo Greco

Crescenzo Greco

Crescenzo Greco, nasce a Foggia il 20 aprile del 1995. Grazie a sua zia è interista fin da bambino. Josè Mourinho l’idolo incontrastato, Adriano quello d’infanzia. Dopo aver raggiunto la maturità scientifica si è trasferito a Milano per inseguire il sogno di diventare giornalista sportivo e studiare “Comunicazione e Società” presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.