Ferri: “Inter, Vecino non un ripiego. Schick profilo adatto”

Articolo di
19 luglio 2017, 00:57
Riccardo Ferri

Ospite di “YouPremium Mercato” su Premium Sport, l’ex difensore dell’Inter Riccardo Ferri ha commentato i principali nomi di giornata accostati ai nerazzurri, ossia il centrocampista della Fiorentina Matías Vecino e l’attaccante Patrik Schick, sul quale la Juventus ha rinunciato all’acquisto dalla Sampdoria. Queste le sue parole.

NON CHIAMATELE SECONDE SCELTE«Matías Vecino? In questo momento l’Inter potrebbe giocare ancora col 4-2-3-1, alla fine andrebbe a collocarsi sicuramente nei due davanti alla difesa con Roberto Gagliardini. È un giocatore di ventisei anni, quindi giovane che conosce il nostro campionato e di sicura qualità. Un ripiego? No, credo che l’Inter sia stata sulle tracce di Vecino già in passato, quindi è un giocatore che piaceva indipendentemente dall’arrivo di Luciano Spalletti. Credo che il centrocampo dell’Inter sia migliorato con l’arrivo di questi due centrocampisti (Borja Valero ed eventualmente Vecino, ndr), è chiaro che la linea difensiva è quella che più ha bisogno di arrivi importanti per un centrale e un esterno. In questo momento non si è sentito niente se non di Dalbert Henrique, i tifosi dell’Inter si aspettano un intervento sulla linea difensiva. L’Inter aveva meno necessità, l’unica cosa dubbia sono le dichiarazioni dell’ultimo periodo dove Spalletti dice che stanno valutando chi ha le caratteristiche: non è questo il motivo di valutare, era leggermente prima alla fine dell’anno scorso, qua ci vogliono le certezze. Andrea Pinamonti è sicuramente un giocatore di grandissima prospettiva, è nel ritiro con la prima squadra e Spalletti ha già avuto modo di conoscerlo anche al di fuori del campo. È sicuramente un giocatore su cui l’Inter punta tantissimo, da qui a pensare che sia l’alternativa a Mauro Icardi ce ne vuole. Credo che Patrik Schick abbia il profilo adatto per arrivare all’Inter e occupare quel ruolo che in mancanza di Icardi può essere scoperto, poi magari Pinamonti lo scopriremo strada facendo e brucerà le tappe».