Endt: “De Boer ha le idee chiare. Farà bene ma gli serve tempo”

Articolo di
24 agosto 2016, 15:09
de Boer

L’ex team manager dell’Ajax David Endt ha concesso una lunga intervista a “Tuttosport” sul nuovo tecnico dell’Inter Frank de Boer. Il dirigente è convinto che l’olandese riuscirà a fare bene ma gli servirà tempo per conoscere i giocatori e il calcio italiano.

SORPRESA A META’ – «La partita è stata molto seguita perché ovviamente c’è molta curiosità per il rendimento di De Boer. Tutti speravano che Frank potesse partire con una vittoria. Ma diciamo che è stata una sorpresa a metà perché nemmeno io mi aspettavo di trovare una formazione particolarmente in forma dopo un cambio di allenatore recente. Peccato, perché dispiace sempre iniziare con una sconfitta. Ma era immaginabile. Perché? Il Chievo è una squadra molto intelligente. Non è facile affrontarla se la tua formazione non è ancora compatta. Inoltre la partita di Verona ha evidenziato che la squadra non ha ancora una condizione fisica ottimale».

LA DIFESA A TRE – «Frank, che qualche volta ha giocato col 3-4-3 all’Ajax, si sarà reso conto in allenamento che la squadra aveva delle carenze fisiche e quindi ha optato per un assetto di gioco che dava più compattezza. Forse ha anche voluto evitare uno shock tattico immediato, cioè mandare in campo i giocatori con il 4-3-3 da applicare secondo le sue indicazioni in assenza dei presupposti necessari. Ha immaginato che con un assetto meno rischioso la squadra avrebbe potuto ottenere un buon risultato in modo da immagazzinare fiducia per poi passare poi al suo vero calcio. Nei pochi giorni in cui ha avuto l’Inter a disposizione si è reso conto dei difetti. Così ha cercato di proteggere la squadra».

I DIFETTI – «Di sicuro qualche carenza fisica conseguenza di un’estate passata in giro per il mondo con un allenatore che poi ha lasciato in accordo con la società. La squadra ha viaggiato tanto ed è mancato il tempo per fare un vero fondo di preparazione atletica. Paradossalmente la sconfitta in questa fase di avvio può avere effetti positivi. In questo modo De Boer si è reso subito conto di cosa manca all’Inter e può intervenire a mercato ancora aperto insieme al club. Una vittoria invece avrebbe potuto mascherare le lacune rimandando interventi necessari. Talvolta una sconfitta può aiutare a chiarire le idee».

SERVE TEMPO – «Quanto tempo ci vorrà? Una cosa è la teoria, un’altra la pratica. Credo che gli serviranno almeno sei settimane per iniziare a sentire il profumo del calcio italiano e adattarsi meglio. Poco abituato alle pressioni? No, perché De Boer è abituato a situazioni ambientali infuocate. E’ vero che in Italia il calcio è seguito con attenzione che si ritrova forse solo in Inghilterra, ma Frank ha giocato in Spagna e in Turchia con Barcellona e Galatasaray, due piazze molto calde. E anche Amsterdam non è facilissima da questo punto di vista: l’Ajax ha un clima molto più bollente rispetto alle altre squadre olandesi».

PROTEGGERE LA SQUADRA – «La cosa importante è non sbilanciarsi mai nelle dichiarazioni. Devi essere un po’ furbo. Lui invece è molto onesto fino a esagerare con l’autocritica nei confronti di se stesso e della squadra. Può essere un bene ma anche un male. Ecco, fossi in lui cercherei di limitare questa tendenza. Non voglio suggerirgli di non essere sincero, ma è meglio non esagerare: la cosa principale in Italia è proteggere la squadra. Non dire sempre quello che pensa? In un certo senso sì. Ma non ci vuole tanto tempo per capirlo. Ha intorno persone che sapranno consigliarlo come Santoni che è italiano o Kreek che ha giocato in Serie A. Senza dimenticare la gente dell’Inter che ha il dovere di aiutarlo. Frank è sicuro di sé: si adatterà facilmente. Essere troppo onesti in certe situazioni può danneggiarti. Ma non esiste una pillola predefinita da prendere: ognuno ha il suo carattere. De Boer riuscirà a trovare la sua strada».

I PREGI – «E’ molto chiaro. Ha idee precise. Ora deve conoscere meglio i giocatori e poi riuscirà a farsi capire. Spero che farà bene in Italia. Anche perché io sono tifoso dell’Inter».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Riccardo Melis

Riccardo Melis

Riccardo Melis (Cagliari, 1990), studente universitario quasi laureato (si spera) in Scienze della Comunicazione; adora leggere, parlare e sopratutto scrivere di calcio e cinema. Tifoso dell’Inter da quando aveva otto anni, ha superato brillantemente i suoi primi anni di tifo, più neri che azzurri, senza che la sua fede verso questi colori fosse scalfita di una virgola.