Ecco chi è Vecchi, dalla Primavera alla prima squadra – GdS

Articolo di
2 novembre 2016, 09:47
Vecchi

La “Gazzetta dello Sport” delinea un ritratto di Stefano Vecchi, promosso dalla Primavera dell’Inter alla prima squadra in attesa di un nuovo tecnico scelto dalla dirigenza. L’allenatore ha dalla sua esperienza in più categorie.

NUOVO INIZIO – Sarà solo una parente­si, ma comunque un premio al lavoro svolto negli anni, e non solo sulla panchina della Prima­vera nerazzurra, con cui ha vinto due titoli. Il nuovo inizio di Vecchi nel calcio adulto non poteva che essere laddove tutto è cominciato da calciatore. Il tecnico ad interim dell’Inter infatti ha mosso i primi passi nel grande calcio come regista della Primavera nerazzurra.

CARRIERA NEI PRO – Il curriculum di Vecchi non è quello classico di un allenatore della Primavera. Vecchi infatti ha alle spalle ben nove stagioni da tecnico di prima squadra. La carriera è stata una continua sca­lata, dai dilettanti all’anticame­ra della Serie A. E in ogni catego­ria secondo la “Gazzetta dello Sport” ha lasciato il segno, facendo giocare bene le sue squadre e valorizzando i giovani.

RITORNO ALL’INTER – Proprio per questo curriculum da allenatore in rampa di lancio, il suo arrivo all’Inter sorprese tutti. Perché un tecnico giovane che ha fatto – e bene – la gavetta avrebbe dovuto ripartire dal cal­cio giovanile, seppur in un gran­ de club, dopo un’esperienza po­co fortunata in B? Perché Vecchi è un tipo che ama le sfide, oltre che il lavoro sul campo. E poi, come più volte ribadito dall’arri­vo a Interello, tornare all’Inter è stato come tornare a casa.

TATTICA – Parlando di tattica, il suo modulo preferito è il 4-3-3, con un play davanti alla difesa e due interni che sappiano inserirsi. Vecchi però sa adattarsi e ama cambiare a seconda delle esigenze e della rosa a disposizione, come dimostra la Primavera di quest’anno, schierata fin dall’inizio col 3-5-2.

 

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Giulio Di Cienzo

Giulio Di Cienzo

Giulio Di Cienzo, nasce a Milano e si costruisce negli anni una passione per il calcio equamente divisa tra razionalità e passione. La parte più calda sta in Sudamerica, l’unico tifo è per l’inter.