Dove e con chi giocherebbe Salah: le possibili soluzioni

Articolo di
22 giugno 2015, 12:14

L’Inter fa sul serio per Salah, si muove in prima persona Thohir che parlerà coi Blues per accontentare l’ennesima ed importante richiesta di Mancini che vuole l’egiziano a tutti i costi. Dopo il no per Cuadrado, è l’ex viola il primo obiettivo: la formula sulla quale si lavora è il prestito con obbligo di riscatto per la prossima stagione, a circa 25 milioni di euro. 

SALAH L’AURORA..DI UNA NUOVA INTER – L’Inter prende forma, lo ha fatto con un importante acquisto in difesa come Miranda, a centrocampo con la stella Kondogbia ed ora si passa all’attacco tralasciando quella che al momento non sembra più una priorità, Imbula. Mancini vuole un esterno offensivo coi fiochi, ci aveva provato per Cuadrado, ora è la volta di Salah dopo il no per il colombiano. La Fiorentina non lo riscatterà, anche per l’esosa cifra da sborsare: l’Inter ha un piano ben preciso e prevede un prestito con obbligo di riscatto fra i 22 ed i 25 milioni di euro. Mourinho ha già dimostrato di non puntare sul Messi d’Egitto e nemmeno i 6 mesi positivi a Firenze gli avrebbero fatto cambiare idea. Per Mancini, invece, rappresenterebbe quel salto di qualità necessario per virare definitivamente sul 4-2-3-1, dove l’ex viola agirebbe tranquillamente in qualsiasi dei tre ruoli dietro Icardi, ben adattandosi anche alle sue spalle. Alla Fiorentina ha anche dimostrato di saper giostrare benissimo da seconda punta, utile dunque anche nel caso di modulo a rombo, più duttile dunque di Cuadrado o di qualsiasi altro esterno. Ipotizzare Shaqiri-Hernanes-Salah dietro Icardi non è utopia, con l’unico falso problema di avere due mancini sulle fasce: da non dimenticare Palacio che, con un solo impegno a settimana, sarebbe molto più che una valida alternativa come attaccante esterno. Seconda ipotesi, Salah come seconda punta accanto ad Icardi, ciò che faceva in viola con i vari Gomez, Babacar o Gila di turno. Un acquisto giovane, di talento e di enorme versatilità tattica: in poche parole, fondamentale.