Diego Milito compie 36 anni, auguri leggenda: ancora grazie

Articolo di
12 giugno 2015, 11:44
Milito

Ci sono quegli uomini che passano una volta ogni 100 anni, quei calciatori che puoi ammirare solo se hai la fortuna di nascere e vivere la loro generazione: chi oggi è sufficientemente “anziano” da potersi ricordare la notte di 5 anni fa, ma non solo quella, ha un augurio speciale da rivolgere a chi, quella notte, l’ha resa immortale. Auguri Principe!

36 ANNI, 36 MILIONI DI VOLTE GRAZIE – Diego Milito ha lasciato l’Inter 12 mesi fa, quasi oscurato dall’addio di Javier Zanetti, non raccogliendo forse il tributo che merita l’uomo più decisivo di tutti i tempi. Non solo dell’Inter, ma del calcio mondiale: perché un giocatore capace di segnare in 7 giorni i 4 gol, tutti decisivi, valsi Coppa Italia, Scudetto e Champions League, non c’è. Furono 30 le segnature di quell’anno, 22 in campionato, due il 22 maggio a Madrid, 22 come il suo numero di maglia. Quando fu dato per finito, due anni dopo, riuscì a superarsi segnandone altri 24 in campionato. Poi quel tremendo infortunio al ginocchio, il ritorno ma non era più lui: ciò che era rimasto immutato è l’amore infinito per un giocatore, facile da adorare per quello che ha dato, ma c’è molto di più. Un professionista straordinario, generoso e a servizio della squadra, privo di egoismi, umile e dal cuore grande. Le tante lacrime che hanno bagnato quella maglia in più momenti restano scolpite nella memoria dei tifosi: i gol nei derby, la corsa verso la bandierina dopo il 2-0 al Bayern, ogni volta che è entrato ed uscito dal campo sommerso dal cuore nerazzurro che accompagnava il suo tragitto denso di emozione e carica. L’Inter ha goduto del Principe per 5 lunghi anni, fatti di 171 partite e 75 gol: lui è andato via ma ha continuato a fare ciò che ha sempre fatto, gol e vittorie. Come il campionato argentino col suo Racing: e c’è ancora chi lo vedrebbe benissimo come vice-Icardi, nell’Inter attuale. Meglio del simpatico Podolski avrebbe certamente saputo fare. Auguri infiniti, leggenda: buon compleanno Principe!

Facebooktwittergoogle_plusmail