Criscitiello: “L’Inter sembrava da Serie B ma può aver svoltato”

Articolo di
19 settembre 2016, 00:09
criscitiello

Nel suo editoriale per “TuttoMercatoWeb” il giornalista Michele Criscitiello, noto volto di Sportitalia, ha analizzato la metamorfosi dell’Inter, spenta e inguardabile giovedì sera contro l’Hapoel Be’er Sheva ma rinata e capace di battere la Juventus questo pomeriggio nel derby d’Italia. Questo il suo pensiero.

SQUADRA A DUE VOLTI – “L’evoluzione dell’Inter e l’umore dei suoi tifosi è sconvolgente. Il giovedì in Europa League sembrava una squadra scarsa di Serie B. Passano tre giorni e, al di là della vittoria, impone ritmo e gioco alla Juventus mandando in estati i suoi tifosi. Bene, queste vittorie possono farti svoltare la stagione. L’Inter, con la Juve, ha giocato bene ma ha avuto anche il grande merito di aver ribaltato in pochi minuti la partita. Se ribalti così una gara contro la Juventus significa che delle qualità le hai. Allora bisogna lavorare su quelle. Mauro Icardi ha una marcia in più. È un top e per fortuna dell’Inter non è andato via. A volte, non c’è valore che tenga. L’Inter ha una batteria di attaccanti ed esterni da far invidia a mezza Europa, conosce i suoi limiti e sa bene che in difesa e sugli esterni bassi è precaria. Il problema delle squadre di calcio, novanta volte su cento, sono i calciatori viziati e gli allenatori che da soli si complicano la vita. Se Frank de Boer inizia a fare le cose semplici, allora, potrà togliersi delle grandi soddisfazioni. Il problema del calcio è che siamo troppo umorali e soprattutto si giudica sempre il risultato. Noi proviamo ad andare oltre. Bisogna giudicare le prestazioni. L’Inter con Chievo e Palermo è stata inguardabile, a Pescara cinica ma non meritava i tre punti, mentre con la Juventus ci è piaciuta molto. Forse non ci saremmo aspettati una partita così, questi ritmi e la forza nel rialzarsi dopo la scoppola presa”.