CorSera: Thohir e il mercato autofinanziato dopo la multa UEFA

Articolo di
9 maggio 2015, 07:28
Thohir

Il “Corriere della Sera” in edicola questa mattina si sofferma su Erick Thohir, l’Inter e il suo prossimo mercato estivo alla luce delle sanzioni UEFA arrivate ieri pomeriggio. Nulla di clamorosamente nuovo ma d’ora in avanti ci saranno alcuni accorgimenti necessari:

ACCORDO – Il Club Financial Control Body (CFCB) dell’UEFA ha raggiunto un accordo con dieci società europee, tra cui Inter e Roma, che erano sotto osservazione per il mancato rispetto di determinati paletti imposti dal massimo organismo europeo nell’ambito del Fair Play Finanziario.

INTER – In realtà all’Inter non è andata così male come ci si poteva aspettare, prosegue Monti. Il club di Thohir dovrà versare 6 milioni di euro in tre rate annuali ai quali si aggiungerebbero, in caso di mancato rispetto degli accordi, altri 14 milioni di euro. Gli obbiettivi futuri riguardano un pareggio di bilancio entro il 2017 ed un contenimento del disavanzo economico per il prossimo anno. Thohir può ritenersi soddisfatto per il lavoro “diplomatico” fatto con l’UEFA dal suo staff. Evidentemente sono state recepite le indicazioni e le rassicurazioni fornite in sede di incontri con i rappresentanti del massimo organismo europeo.

MERCATOOra scatta il mercato autofinanziato: si renderà necessaria la cessione di un giocatore importante ma non indispensabile al nuovo progetto, prosegue Monti. I nomi oggetto del desiderio sono quelli soliti: Yaya Tourè, sempre più vicino, e Paulo Dybala. In particolare per l’argentino c’è da sottolineare come l’offerta dell’Inter sia assolutamente concorrenziale rispetto a quella di altri club.

Thohir dunque prosegue nella sua opera di risanamento e di riorganizzazione del club. Passata anche la fase sanzionatoria dell’UEFA, ora si procede più spediti che mai nella direzione scelta.