Cordoba: “Un anno e mezzo pesante, poi è arrivato Mancini”

Articolo di
12 maggio 2015, 08:08
Cordoba

Ospite negli studi di “Tiki Taka – Il calcio è il nostro gioco”, l’ex difensore dell’Inter, Ivan Ramiro Cordoba, ha parlato della situazione attuale del club nerazzurro, ancora in lotta per il sogno Europa League. Tra gli argomenti trattati anche il passato interista di Benitez e la Juventus da Champions.

MANCINI OK, OBIETTIVO EUROPA«L’Inter la vedo lanciata per arrivare in Europa, che è ciò che vuole. I ragazzi hanno fatto un tipo di lavoro diverso per un anno e mezzo (con Mazzarri, ndr), molto pesante perché doveva essere fatto alla perfezione per giocare a tre in difesa. Con Mancini hanno bisogno di tempo per giocare come vuole lui, ma è la scelta giusta».

BENITEZ SFORTUNATO, IL POST MOU«Perché a Mancini viene dato il tempo di modificare e a Benitez non fu dato? Non mi piace parlare delle differenza tra gli allenatori, ma posso solo dire che Benitez è arrivato in un momento molto particolare. Per qualsiasi allenatore, che fosse arrivato in quel momento (dopo Mourinho e il Triplete, ndr), sarebbe stato difficile».

MADRID, DAL 22 MAGGIO 2010 ALLA JUVENTUS«Il ‘Bernabeu’ mi dà emozioni grandissime, ricordando quella scalinata lì. La Juventus può giocare tranquillamente contro un Real Madrid non perfetto, che scenderà in campo in maniera offensiva. Cristiano Ronaldo va tenuto più lontano possibile dalla porta, non puoi perderlo di vista un secondo, perché è molto tecnico e fisico. Tevez, come facevo io, lotta su ogni pallone, che diventa una sfida. Lo conosco da quando giocava in Argentina, è sempre lo stesso. Adesso alla Juventus ha trovato l’ambiente ideale».

Facebooktwittergoogle_plusmail