Condò: “Pioli deve far capire all’Inter che non hanno più scuse”

Articolo di
27 novembre 2016, 14:43
Paolo Condò

Paolo Condò, intervenuto su Sky Sport 24, è convinto che il tecnico dell’Inter Stefano Pioli dovrà fare il possibile per convincere i suoi giocatori a capire di aver esaurito ogni tipo di scusa nella speranza di fare bene contro Fiorentina e Napoli.

BASTA SCUSE – «A me l’Inter è piaciuta molto nel derby. E’ finita 2-2 pareggiando nei minuti finali però mi aveva dato la sensazione di essere una squadra che la famosa frustata del nuovo allenare l’aveva intesa. Sono rimasto delusissimo dal secondo tempo di Be’er Sheva perché appena la squadra ha pensato di poterla gestire col pilota automatico è andata a sbattere. Pioli ha parlato di presunzione e quindi la dote sulla quale dovrà insistere di più è l’umiltà: deve riuscire a convincere i suoi giocatori che le scuse sono finite, che non ha senso che Icardi alla fine della partita si presenti ogni volta per dire che devono stare zitti e lavorare. Basta! Lo hai detto una, due, tre, quattro, cinque volte, adesso non vogliamo più sentire queste scuse. L’Inter tra l’altro ha un calendario che ti offre la possibilità di un riscatto molto rapido e forte perché giochi nel giro di cinque giorni prima con la Fiorentina in casa e poi col Napoli al San Paolo e sono quelle occasioni che probabilmente il giocatore di roulette che ha quasi terminato gli spiccioli getta le ultime fiches sperando di fare il pieno perché è chiaro che se tu vinci queste due partite allora il colpo di timone è fortissimo. E’ chiaro che se invece ne fai zero o uno la situazione diventa difficile».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Riccardo Melis

Riccardo Melis

Riccardo Melis (Cagliari, 1990), studente universitario quasi laureato (si spera) in Scienze della Comunicazione; adora leggere, parlare e sopratutto scrivere di calcio e cinema. Tifoso dell’Inter da quando aveva otto anni, ha superato brillantemente i suoi primi anni di tifo, più neri che azzurri, senza che la sua fede verso questi colori fosse scalfita di una virgola.