Condò: “L’Inter è migliorata. Ottimo mercato ma asimmetrico”

Articolo di
2 ottobre 2016, 14:09
Paolo Condò

Paolo Condò ha parlato a Sky Sport 24 della sfida di questa sera tra la Roma e l’Inter soffermandosi in particolare sull’ottimo mercato estivo dei nerazzurri, costretti però a non poter schierare alcuni big in Europa League a causa del Fair Play Finanziario.

PRIMO SPAREGGIO – «E’ chiaro che la suggestione di questa partita è quella dello spareggio per rimanere agganciate al treno delle prime. Totti andrà certamente in panchina e dall’altra parte Icardi è il totem assoluto della formazione. Quasi mi dispiace che questa partita arrivi a questo punto della stagione perché credo che siano due formazioni che hanno ancora bisogno di lavoro, sopratutto l’Inter che ha un allenatore nuovo che oltretutto non ha iniziato a luglio ma ad agosto. Avrei preferito vederle più complete, più realizzate nel loro scontro diretto ma il calendario dice questo e chiaramente chi perde si trova ad attraversare un brutto momento».

INTER RIVOLUZIONATA – «La Roma si è illusa di poter ripartire dalla fine del campionato scorso. Il secco passo indietro non si spiega solamente con la cessione di Pjanic. L’eliminazione nel preliminare di Champions League con il Porto secondo me pesa psicologicamente ancora molto. L’Inter ha fatto la rivoluzione, è molto più forte (rispetto allo scorso anno ndr), ha fatto un ottimo mercato anche se un po’ asimmetrico visto che alcuni dei giocatori più importanti non possono essere utilizzati in Europa. Se verranno confermate le formazioni ipotizzate questa sera giocheranno sette romanisti reduci dall’Europa League contro quattro interisti reduci dall’Europa League».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Riccardo Melis

Riccardo Melis

Riccardo Melis (Cagliari, 1990), studente universitario quasi laureato (si spera) in Scienze della Comunicazione; adora leggere, parlare e sopratutto scrivere di calcio e cinema. Tifoso dell’Inter da quando aveva otto anni, ha superato brillantemente i suoi primi anni di tifo, più neri che azzurri, senza che la sua fede verso questi colori fosse scalfita di una virgola.