Cesari: “Tagliavento superficiale, rigore Inter da ribattere! Il VAR…”

Articolo di
22 agosto 2017, 01:26
Graziano Cesari

Graziano Cesari – ex arbitro e attuale moviolista di punta di “Premium Sport” – a “Tiki Taka – Il calcio è il nostro gioco” su Italia 1, analizza la prestazione di Tagliavento in Inter-Fiorentina e soprattutto l’uso fatto del VAR

RIGORE DA RIBATTERE – Una scelta giusta e due errori, è questa la “pagella” di Graziano Cesari: «L’arbitro Paolo Tagliavento gestisce le due situazioni in maniera diversa. Prima assegna giustamente il rigore all’Inter per il contatto tra Davide Astori e Mauro Icardi: c’è tutta la fallosità di Astori. Tagliavento va al VAR e conferma il rigore senza andare al monitor, perché c’erano certezze e non c’era assolutamente bisogno di andare lì. Però durante l’esecuzione del rigore c’erano tutti i giocatori in area, il VAR avrebbe dovuto intervenire per farlo ribattere: vogliamo cambiarlo il calcio o no?».

SUPERFICIALITA’ INGIUSTIFICATA – «Poi la Fiorentina richiede di andare al VAR per il fallo in area di Joao Miranda su Giovanni Simeone: il difensore brasiliano è dietro, non bisogna guardare solo la spinta con il braccio, ma anche l’incrocio con i piedi, non mi sarei stupito se fosse stato fischiato il rigore. Tagliavento in questo caso si ferma e aspetta, si fa consigliare dall’assistente VAR ed è superficiale per un arbitro esperto come lui non verificare di persona davanti al monitor».






ALTRE NOTIZIE