CdS: un’Inter tutta straniera per sfidare la Juventus!

Articolo di
28 giugno 2015, 08:42

Andrea Ramazzotti, inviato del “Corriere dello Sport”, analizza i movimenti di mercato dell’Inter fino ad oggi e le conseguenze che avranno sulla “nazionalità” dell’undici titolare di Mancini il prossimo anno. Vediamo insieme:

STRANIERI – Per i tifosi nerazzurri non è una novità: fedele al suo nome, l’Inter è spesso scesa in campo con una squadra composta da soli stranieri. La prossima stagione, però, questa tendenza potrebbe diventare la regola assoluta: con i nuovi acquisti in difesa, infatti, Ranocchia e D’Ambrosio, i due italiani che la scorsa stagione hanno giocato di più, rischiano seriamente di finire ai margini se non in un’altra squadra.

FACILITAZIONE – Un dettaglio di non poco conto è rappresentato dalle garanzie necessarie per acquistare i giocatori: con quelli stranieri non è necessario, informa Ramazzotti, presentare fidejussioni a garanzia dell’operazione come invece deve avvenire per le operazioni con giocatori italiani. Inoltre la tendenza dei club di serie A è quella di farsi pagare a caro prezzo i talenti nostrani e l’Inter, in questo momento, non ha la forza per intavolare aste con le società italiane.

CIES – Nel corso degli anni, come detto, l’Inter ha spesso giocato con una formazione fatta esclusivamente da stranieri e questo fatto aveva suscitato anche delle polemiche piuttosto forti (famosa l’invettiva del quotidiano “La Padania” all’indomani di una vittoria in Champions League). Il CIES di Neuchatel, l’Osservatorio del Calcio, ha “certificato” che l’Inter è la squadra più “straniera” d’Europa tra quelle che partecipano ai 31 campionati principali con una percentuale di giocatori non italiani pari all’88,9%.

 

Facebooktwittergoogle_plusmail