Cavasin: “Le differenze fra il Napoli di Sarri e l’Inter di Mancini”

Articolo di
25 novembre 2015, 17:09
Mancini

Lo scontro fra Napoli e Inter vedrà contrapposti due diversi stili di gioco, più spettacolare quello mostrato dai partenopei, più pragmatico quello praticato dai nerazzurri. Due modi di interpretare il calcio incarnati dai due tecnici che lunedì sera si sfideranno al San Paolo

Alberto Cavasin, ex allenatore di Lecce, Brescia e Sampdoria, ha parlato del prossimo confronto fra il Napoli di Sarri e l’Inter di Mancini ai microfoni del programma “Si gonfia la rete” su Radio Crc. Come riportato dal sito “Calcionapoli24″, Cavasin ha sottolineato le differenze fra i due tecnici:
«Sarri e Mancini? L’Inter è fortissima in difesa, ma Mancini ha anche cambiato il centrocampo affidandosi a dei mastini. Ha fatto scelte importanti. La difesa dell’Inter nasce dalla forza dei suoi giocatori, mentre quella del Napoli è stata costruita sulla conoscenza del reparto e della squadra.
La difesa del Napoli è figlia di una squadra corta, che attacca molto alta. In questo modo i difensori sono avvantaggiati: c’è una grossa mano dell’allenatore. Il processo di miglioramento di questa squadra è sotto gli occhi di tutti e il merito è di Sarri. Lui è un maestro di calcio, ha portato ciò che ha fatto in altre circostanze a Napoli. Viene da una carriera di grande esperienza, è caduto, ma si è sempre rialzato. Ha una personalità molto forte, sta dimostrando di essere un allenatore da grande squadra.
La storia di Mancini è completamente diversa, bella, ma diversa.
»