Capuano: “Kondogbia pagato oltre 40 mln, capricci? Inter sia club serio”

Articolo di
12 agosto 2017, 00:00
Giovanni Capuano

Giovanni Capuano – giornalista di “Panorama” -, ospite negli studi di “Sportitalia Mercato” su Sportitalia, si dilunga sulla vicenda Kondogbia per poi finire con un commento sul mercato che l’Inter dovrà condurre fino a fine sessione estiva

KONDOGBIA SCORRETTO – Non le manda a dire Giovanni Capuano dopo la leggerezza del centrocampista francese: «Quello di Geoffrey Kondogbia non è un capriccio. Se l’Inter vuole essere un club serio non può accettarlo, Kondogbia mette l’Inter in una posizione di debolezza. La sua storia all’Inter è finita, ma deve finire alle condizioni che vuole il club, quindi deve rispettare gli impegni. Considerando quanto è stato pagato, Kondogbia non si può cedere a meno di 25-26 milioni, quindi il Valencia deve fare uno sforzo venendo incontro a questa richiesta. Il centrocampista francese due anni fa è stato pagato 40.5 milioni più le commissioni pagate al procuratore e, pur con un ingaggio importante, non ha reso. A parte la multa salatissima e il fatto che nei prossimi giorni verrà tenuto fuori dai progetti di Luciano Spalletti, mi auguro che l’Inter metta questo muro. Sarebbe il caso che ci si fermasse su questi atteggiamenti scorretti. Il comportamento di Kondogbia mette in gravissima condizione l’Inter, che lo paga, anche oggi che non si è presentato all’allenamento: è una cosa che va stroncata. Spalletti ha detto che ha fatto delle promesse a Kondogbia: non è un mistero che Spalletti lo avrebbe anche tenuto, dandogli probabilmente la possibilità di fargli fare anche il Mondiale con la Nazionale Francese l’anno prossimo».

MOSSE DI MERCATO – «Jeison Murillo non ha messo l’Inter spalle al muro pur volendo andare via, firmerà con il Valencia dopo aver trattato, quindi è inammissibile quanto fatto da Kondogbia. A centrocampo qualcuno deve andare via: Spalletti avrebbe tenuto Kondogbia, che adesso dovrebbe andar via, ma potrebbe non essere l’ultimo a farlo in mezzo. Non mi stupirei se andassero via Joao Mario e/o Stevan Jovetic. Negli ultimi dieci giorni l’Inter si sta muovendo tanto. L’Inter quest’anno fa solo il campionato e la Coppa Italia, giocherà al massimo 43 partite, non le serve una rosa esagerata perché non c’è lo spazio per far giocare tutti, se non come comparse. L’Inter deve prendere almeno un terzino e un’ala, poi credo che Patrik Schick possa essere il prossimo colpo dell’Inter. Schick sembra in arrivo, anche se poi non si sa mai, e potrebbe essere anche il vice-Mauro Icardi, che tra l’altro è stato appena convocato dalla Nazionale Argentina al posto di Gonzalo Higuain: questa è una notizia, Higuain paga la scarsa forma attuale…».