Capuano: “De Boer SV, Inter ancora di Mancini! Joao Mario…”

Articolo di
13 agosto 2016, 00:03
Capuano

Giovanni Capuano – giornalista di “Panorama” -, ospite negli studi di “Speciale calciomercato” su Sportitalia, commenta a 360° le ultime vicende di casa Inter: dal cambio in panchina alla telenovela Icardi, passando per l’imminente colpo Joao Mario

DA MANCINI A DE BOER – Ancora non si sbilancia Giovanni Capuano, che aspetta novità più significative: «Che voto do all’Inter di Frank d Boer? SV, senza voto: l’Inter si allena con lui da tre giorni, non abbiamo ancora visto nulla, è tutto prematuro. Joao Mario non ha ancora firmato, quindi è ancora l’Inter di Roberto Mancini… Manca uno che fa girare il pallone. E’ un’Inter migliore rispetto all’anno scorso, ma sempre inferiore alla Juventus e ancora inferiore al Napoli. L’Inter parte dal quarto posto dell’anno scorso: nei confronti della Roma si è rinforzata, deve pensare al terzo posto e sta costruendo una squadra che deve raggiungerlo. La situazione finanziaria per alcuni si è sistemata grazie all’ingresso del gruppo Suning, ma l’Inter ha disperato bisogno di tornare in Champions League».

MERCATO IN FERMENTO – «Sono curioso di vedere come de Boer userà Ever Banega, che con Mancini avrebbe giocato trequartista dietro la punta, ma adesso si parla anche di vederlo come regista davanti alla difesa. L’Inter è fiduciosa nel chiudere per Joao Mario, ma in Portogallo sono sicuri che sia già tutto definito… Ha fatto un ottimo Europeo, ha 23 anni ed è un gran prospetto: è un investimento intelligente da parte dell’Inter, che ora dovrà cedere qualcuno anche per via delle liste da rispettare. Penso che il sacrificato possa essere Marcelo Brozovic, che è abbastanza simile a Joao Mario come detto anche da Mancini. Da settimane sento dire che l’Inter chiude per Gabigol, che sta facendo le Olimpiadi: l’Inter non lo ha ancora preso, potrebbe essere il profilo perfetto per la Juventus. Gabigol potrebbe arrivare in Italia, anche se in genere profili simili vanno a giocare altrove: Inter e Juventus fanno sul serio, non sembra esserci molta concorrenza».

ICARDI DOUBLE FACE – «La vicenda che gira intorno a Mauro Icardi è sovradimensionata nelle cifre, ma dobbiamo abituarci a questa cosa causa pioggia di soldi, che sta drogando il mercato. L’Inter è stata coerente su Icardi, ritenendolo incedibile nonostante le grosse offerte ricevute. Icardi resta come attaccante, come capitano non so, visto che ancora manda la moglie-manager Wanda Nara a trattare il rinnovo con insistenza e a mercato aperto. Sarà intrigante per lui la sfida di giocare e lavorare con un allenatore diverso: con Mancini ha avuto dei periodi difficili e senza gol, può essere uno stimolo avere un allenatore come de Boer, che attua calcio offensivo».