Cambiasso: “Non si vede un’Inter superiore agli avversari”

Articolo di
18 febbraio 2018, 23:19

Ospite di “Sky Calcio Club”, l’ex centrocampista dell’Inter Esteban Cambiasso ha evidenziato nel blocco completo dell’Inter la principale difficoltà di questi ultimi due mesi e mezzo sportivamente drammatici. Questo avrebbe anche causato una minore paura da parte degli avversari, che così portano a casa i risultati.

STOP NETTO«Difficile trovare una spiegazione, ieri sono mancati giocatori di un peso specifico forte ma nell’analisi che facciamo la sensazione è che l’Inter manchi di gioco, su questo penso che nessuno sbagli se dice che oggi l’Inter non ha gioco. Dopo se devi sperare negli episodi ti può capitare che una volta può andare per te, puoi dipendere dagli episodi quando vai a giocare a Napoli o a Torino con la Juventus e magari anche il derby, squadre che hanno i tuoi stessi obiettivi. Quando affronti squadre inferiori devi essere superiore, poi ci sta che il portiere fa la partita della vita e l’arbitro fischia rigore e la perdi, ma oggi la verità è che non si vede un’Inter superiore agli avversari. Sappiamo che l’entusiasmo rispetto a un gioco consolidato ha un tempo specifico inferiore, se non hai il gioco che ti sostiene… Può essere uguale e solida e concedere una o due, prima erano di Samir Handanović e adesso prendi un gol al 45′ trenta secondi prima di andare all’intervallo. A livello offensivo non credo che gli altri abbiano eccessive paure, mentre nel primo periodo non vedevo nessuna squadra che l’attaccasse particolarmente. Ora dicono che se la giocano, se non c’è Mauro Icardi che ha fatto la quantità più grande di gol e Ivan Perišić che ha fatto sia gol sia assist gli altri non hanno quella paura che li blocca anche in fase offensiva, li attacca chiunque e lì sei più portato a concedere gol. Sicuramente Rafinha Alcântara farà crescere Borja Valero, perché parlano la stessa lingua».






ALTRE NOTIZIE