Calamai: “L’Inter fuori dall’Europa va profondamente cambiata”

Articolo di
24 maggio 2015, 08:44

Luca Calamai, giornalista della “Gazzetta dello Sport”, analizza la sconfitta dell’Inter a Marassi contro il Genoa e si sofferma su cosa comporti l’esclusione dalle coppe europee per la prossima stagione. Soprattutto quali rimedi saranno necessari per tornare ad essere competitivi:

EUROPA LEAGUE – Il presidente Thohir dovrà fare a meno degli spiccioli che garantisce la partecipazione all’Europa League, sostiene Calamai. L’Inter, infatti, è praticamente fuori dalle coppe europee ed è un risultato che archivia una stagione da dimenticare. Una brutta frenata per il progetto di Thohir di sfruttare nel mondo, a livello commerciale, il prestigioso marchio del club.

CHI VA E CHI RESTA? – Si è parlato molto delle “stelle” pretese da Mancini ma c’è anche l’altra faccia della medaglia: quali sono i giocatori dell’attuale rosa che possono far parte del progetto futuro? Pochi, pochissimi. Un nome sicuro è Icardi. Il talento argentino, al suo 20esimo goal in campionato, ha raggiunto Tevez in cima alla classifica dei cannonieri. Icardi, prosegue Calamai, è già una bella faccia dell’Inter del futuro e il titolo di goleador darebbe ulteriore spinta alla sua crescita. Da ricostruire quasi in blocco il reparto difensivo, sul quale lo steso Mancini dovrà lavorare con più intensità.

Calamai tocca un tasto certamente attuale all’Inter: sarà molto importante, oltre ai nuovi innesti, cercare di capire chi potrà davvero restare a Milano per essere utile alla rinascita della squadra.