Burgnich: “Società ridicola. All’Inter manca gente con le palle”

Articolo di
2 novembre 2016, 14:05
Burgnich

L’edizione lombarda de “La Gazzetta dello Sport” ha intervistato Tarcisio Burgnich per parlare dell’attuale situazione dell’Inter. La leggenda nerazzurra è convinta che i problemi dello spogliatoio siano una diretta conseguenza della confusione societaria.

TROPPA CONFUSIONE – «Io, più che cambiare allenatore, proverei a capire che cos’hanno in testa questi giocatori. Perché non si può fare quel genere di partita contro la Juventus e poi perdere con squadre di provincia: vuol dire che il gruppo non funziona. Quando in una società c’è così tanta confusione, il giocatore tende a giocare solo per sé, magari per cercare anche di farsi vedere dagli emissari degli altri club. Pioli? Ci vuole un allenatore con grande personalità, in grado di imporsi su tutti. Faccio un esempio: il ciclo del Mancini vincente all’Inter nasceva su tre giocatori che Roberto si era portato dalla Lazio: Mihajlovic, Stankovic e Favalli. Erano elementi che gli hanno permesso più facilmente di fare spogliatoio. Solo così può nascere l’attaccamento ai colori. Icardi? Una società che dà la fascia in campo a un ragazzino quando in squadra hai gente matura è ridicola. Mancano gli Allodi, manca gente con le palle».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Riccardo Melis

Riccardo Melis

Riccardo Melis (Cagliari, 1990), studente universitario quasi laureato (si spera) in Scienze della Comunicazione; adora leggere, parlare e sopratutto scrivere di calcio e cinema. Tifoso dell’Inter da quando aveva otto anni, ha superato brillantemente i suoi primi anni di tifo, più neri che azzurri, senza che la sua fede verso questi colori fosse scalfita di una virgola.