Bucchioni: “Gagliardini sorprendente, all’Inter servono i top”

Articolo di
27 gennaio 2017, 18:54
Gagliardini

L’inserimento del giovane centrocampista proveniente dall’Atalanta ha sorpreso tutti, ma l’Inter per poter tornare una grande ha bisogno di altri giocatori di livello internazionale

Intervistato da TMW Radio, l’editorialista Enzo Bucchioni ha parlato del sorprendente inserimento di Roberto Gagliardini all’Inter: “Sorprendente l’avvio per la maturità di questo ragazzo, che prima di arrivare in Nerazzurro aveva fatto appena 14 partite di Serie A. Poi per la facilità con cui si è inserito nei meccanismi dell’Inter, sembra che sia lì da una vita, è diventato il leader del centrocampo, visto come i compagni lo cercano. Servono ovviamente altre verifiche, ne abbiamo visti tanti di giocatori che poi non hanno mantenuto le promesse. Credo che ci sia tutto qui ,ma la prudenza con i giovani è d’obbligo. Sta succedendo qualcosa di piacevole nel nostro campo, visto che nemmeno due anni fa eravamo a dire come farà il Ct a formare la Nazionale, improvvisamente è scoppiata una nidiata di giocatori eccezionali in tutti i reparti. E’ anche dovuto al lavoro del settore giovanile che dopo anni di abbandono è tornato a funzionare”.

PETAGNA VICE ICARDI?- “Sono suggestioni, con tutto il rispetto per Petagna, al di là che al momento i riflettori sono puntati sull’Atalanta, nella squadra in cui funziona tutto viene esaltato. E’ un buon giocatore, scuola Milan, è stato lanciato molto presto, ora è in un meccanismo favorevole, ma aspettiamo….se all’Inter viene accostato Messi e qualcuno ci crede, ma se i nerazzurri vogliono fare una squadra per tornare a competere in Champions League, prima di andare a prendere Petagna, dovrebbe andare a cercare un giocare più forte e collaudato di livello internazionale. Non può essere un’alternativa valida per Icardi”.

HANDANOVIC DEVE CAMBIARE ARIA- “Handanovic? L’ho visto meno dentro la squadra, non mi sembra più quel portiere reattivo che era. Forse anche lui ha bisogno di cambiare aria e trovare nuovi stimoli. Non mi stupirei dovesse lasciare, ma sostutuirlo potrebbe essere un po’ complicato”.