Boninsegna:”Icardi ottimo riferimento, cresciuto anche nel gioco”

Articolo di
21 novembre 2017, 10:31
boninsegna

La “Gazzetta dello Sport” ha intervistato Roberto Boninsegna, storico bomber dell’Inter, per discutere di Mauro Icardi. L’ex numero nove definisce l’argentino un vero uomo d’area.

UOMO D’AREA – «Icardi è un vero uomo d’area come lo ero io. Ai miei tempi si marcava a uomo, ora a zona. Ma l’istinto, il coraggio e le doti acrobatiche sono lì».

RIFERIMENTO – «La cosa che mi piace di più di Mauro è che è bravissimo a fare da riferimento unico, detta la profondità ma poi sa staccarsi per liberarsi della marcatura. E non ha mai paura. Il secondo gol all’Atalanta è esemplare, sa perfettamente dove andare a colpire il pallone e poi dove metterlo».

IN TRASFERTA MENO PALLONI – «Ero allo stadio quando l’Inter a fine ottobre ha giocato a Verona. La sensazione è che in trasferta la squadra sia meno arrembante e spinga meno. Quindi lui finisce col vedere meno palloni, anche se partecipa di più alla manovra rispetto al passato. Contro l’Atalanta ha fatto a sportellate con un difensore ruvido come Palomino e non si è mai tirato indietro. Anche se poi perde un po’ del suo cinismo. Ma l’attaccante dei gol li sbaglia per definizione».

TITOLO DEI BOMBER – «Icardi può lottare per la classifica marcatori? Se l’Inter tiene e continua a creare gioco, sì. Lo stesso dicasi per Immobile con la Lazio. Mertens, Dzeko e Higuain invece sono in squadre più rodate».