Biasin: “Spalletti si fida del gruppo Inter. Riserve? Aspetterei”

Articolo di
16 dicembre 2017, 01:16
Fabrizio Biasin

Ospite di “YouPremium Weekend” su Premium Sport, il giornalista Fabrizio Biasin ha parlato del momento dell’Inter e della partita di Coppa Italia contro il Pordenone. A suo avviso i giocatori impegnati martedì sera non sarebbero ancora da bocciare del tutto e il mercato non sarebbe la soluzione.

NIENTE GIUDIZI AFFRETTATI«Luciano Spalletti è stato bravissimo a fare autocritica, col Pordenone abbiamo visto una squadra che ha fatto fatica ma era costruita da sole seconde scelte. Questo non significa che siano tutti inadatti, dice Spalletti che se ne propone uno o due rendono meglio. Questo è condivisibile, prima di dire che sono inadatti e incapaci di fare quello che fanno gli altri aspetterei un po’. È evidente che questa è una rosa perfettibile, anche incompleta numericamente, però Spalletti è molto chiaro e si fida di questo gruppo. A gennaio si fa quello che si può, da un punto di vista economico ma anche delle idee, non è detto che comprando giocatori fortissimi le cose migliorino, anzi tante volte a gennaio vai a rovinare un ingranaggio, bisogna avere un minimo di pazienza. Il pubblico al Meazza? Da questo punto di vista l’Inter è già da Champions League, ma abbondantemente. Non da quest’anno, anche negli anni più brutti i tifosi hanno risposto, quest’anno coi risultati hanno risposto ancora di più. Domani ci saranno tantissimi spettatori a San Siro, questo fa capire la voglia della piazza di tornare alle partite che contano. Martedì è stata una partita difficile, in altre volte i tifosi avrebbero risposto male ma ora c’è una sintonia assoluta fra campo e spalti. Nella tristezza della serata di coppa contro il Pordenone c’è una bellissima immagine di Mauro Icardi che durante i rigori si mette a guardare i compagni, è cresciuto tantissimo. Al di là delle parole di Wanda Nara fa fede quello che vediamo in campo, Icardi si comporta da interista oltre i gol che fa e mi sembra una garanzia a lungo termine».







ALTRE NOTIZIE