Biasin: “Inter valuta alternative a Rafinha, 2 stranieri in corsa”

Articolo di
16 gennaio 2018, 11:11
Fabrizio Biasin

Fabrizio Biasin – giornalista di “Libero” e tifoso interista -, nel consueto editoriale per il portale “Tutto Mercato Web”, prima ironizza sulle vacanze invernali dei giocatori e poi approfondisce la tematica mercato, che vede l’Inter impegnata su più tavoli soprattutto per regalare un trequartista a Spalletti

GIOCATORI IN VACANZA – “Grazie alle vacanze dei calciatori – da poco rientrati – abbiamo scoperto alcune cose: Marcelo Brozovic gioca con gli amici a freccette e apre dei bar abbastanza brutti, tipo quello inaugurato in Croazia. Dalle foto possiamo pensare che all’interno abbia le tipiche macchinette mangia-soldi e la bottiglia di liquore impolverata a forma di ‘Ciao’ di Italia ’90. Lo so che a molti di voi Brozovic sta sulle balle, ma ricordatevi che lui non va alle Maldive e gioca al bar a freccette. Brozovic è ‘come noi’, solo con il problema dei soldi da buttare. Se ci pensate con attenzione potreste iniziare a volergli bene; Mauro Icardi si fa fare la foto col cappellino sullo zizzì. Al suo posto avremmo usato il cilindro di Paperone per creare del mistero. Sono scelte”.

SVILUPPI DI MERCATO – “Si fa un gran chiacchierare di Inter: «Ha bisogno del difensore per completare il reparto! Vergogna!». Poi lo prende: Ha preso un difensore di medio livello! Vergogna!». Non va mai bene. Pazienza: Lisandro Lopez risolve (finalmente) il problema ‘numerico’ della retroguardia nerazzurra e lo fa a basso costo. Il resto lo dirà il campo. Il nodo semmai è sempre quello del trequartista: Piero Ausilio resta in contatto con il Barcellona per Rafinha, la trattativa resta ‘viva’, ma il direttore sportivo volerà in Spagna solo in caso di sviluppi sostanziali. Il motivo è semplice: gli operatori valutano alternative al brasiliano. Difficilmente Ramires (il solito Fair Play Finanziario obbliga l’Inter a pagare la totalità dell’ingaggio del giocatore e in ogni caso lo Jiangsu fa ‘resistenza’); per Javier Pastore (cena tra Ausilio e il procuratore del calciatore) dipende tutto dal Paris Saint-Germain: l’Inter può operare solo in regime di prestito con diritto di riscatto e gli emiri difficilmente accettano questo genere di condizione. Tutto qua? No, Ausilio e Walter Sabatini hanno in testa altre due alternative ‘straniere’: mi piacerebbe dirvi i nomi ma, banalmente, non li so”.







ALTRE NOTIZIE