Bergomi: “L’Inter sta dando messaggi alla Juve, vedo fiducia”

Articolo di
30 gennaio 2017, 01:01
Giuseppe Bergomi

Giuseppe Bergomi, ospite fisso di “Sky Calcio Club”, è possibilista sulla partita di domenica prossima contro la Juventus, che ritiene dall’esito non scontato. Per lui l’Inter arriva all’appuntamento nel miglior momento stagionale e con l’acquisto di Roberto Gagliardini, voluto proprio dai bianconeri, ha rimesso in discussione qualche certezza degli avversari.

RIMESCOLAMENTO«Inter tornata in corsa per la Champions League? È a tre punti dal Napoli, una partita. In queste dieci partite ha fatto il derby, ha perso a Napoli, ha battuto Fiorentina e Lazio, degli scontri diretti li ha avuti, magari in casa ma ha sfruttato soprattutto l’inizio dove doveva trovare autostima, le vittorie contro Genoa e Lazio dove nel primo tempo ha sofferto sono servite per trovare la sicurezza. Adesso è l’unica squadra che gioca un calcio molto aggressivo, sta benissimo fisicamente e mentalmente e ha dei giocatori importanti. L’Inter è una squadra che viene sempre ad aggredire, bisogna capire se tiene per novanta minuti quell’intensità, la Lazio di Stefano Pioli spesso andava in vantaggio e subiva delle rimonte, qui non sta succedendo perché riesce a gestire le partite».

A VISO APERTO«Credo che possa giocarsela a Torino, la vedo in fiducia con questo obiettivo di raggiungere la zona Champions League. I risultati che sono venuti in questa giornata permettono all’Inter di poter fare anche un pareggio, se oggi avessero vinto Napoli e Roma avrebbe dovuto vincere a Torino. L’Inter da quando è arrivato Pioli fa entrare dentro fra le linee Antonio Candreva e Ivan Perišić, con João Mário che si muove molto, la Juventus dovrà leggere benissimo le situazioni e quello è il pericolo più importante. L’Inter sta dando dei messaggi alla Juve che è il punto di riferimento, anche l’acquisto di Roberto Gagliardini lo vedo così: l’Inter sa di averlo pagato tanto ma fa capire alla Juventus di averlo preso, Suning fa le cose seriamente. Nella mentalità che sta creando Pioli non va a cambiare perché gioca con la Juve, può giocare anche Geoffrey Kondogbia più attento».