Bellinazzo: “Debiti Inter e Milan? Differenze. I nerazzurri…”

Articolo di
12 dicembre 2017, 16:48
Marco Bellinazzo

Il giornalista del “Sole 24 Ore” Marco Bellinazzo nella sua rubrica per Goal.com “Goal Economy” ha spiegato le differenze tra Inter e Milan a livello finanziario parlando anche delle prossime mosse della società nerazzurra

DIFFERENZE – «L’Inter cerca finanziamenti sfruttando la crescita del rendimento sportivo e dell’appeal, mentre il Milan è obbligato a trovare rinforzi per non essere espropriato dal fondo Elliott. Il Milan ha un indebitamento più contenuto rispetto all’Inter, ma è penalizzato dall’incertezza intorno alla proprietà. Per l’Inter è il contrario: proprietà che ispira fiducia, ma anche indebitamento maggiore».

PROSSIME MOSSE – «Nei prossimi giorni la dirigenza nerazzurra effettuerà un road-show in Europa tra Londra, Parigi, Milano, Francoforte e Amsterdam presso investitori istituzionali per chiedere di sottoscrivere un bond da 300 milioni e di provvedere a un prestito cash di altri 50 milioni. Soldi che saranno utilizzati per sostituire come finanziatore Goldman e per far fronte ai bisogni aziendali».

SITUAZIONE – «Quando Erick Thohir è diventato proprietario si era obbligato a liberare Massimo Moratti e ha saldato i debiti dell’epoca grazie a un prestito da 230 milioni concesso da Goldman Sachs e da altri fondi a garanzia del quale sono stati posti contratti tv e commerciali, oltre che il marchio. I pagamenti già effettuati hanno ridotto questo debito a 208 milioni. La scadenza finale è posta al 1° luglio 2019. Ora l’Inter chiede al mercato 350 milioni per estinguere questo debito con una scadenza allungata al 2022 e cercando di ottenere il nuovo prestito a una tasso inferiore al vecchio. C’è da dire però che l’indebitamento dell’Inter è in continua espansione per la politica di Suning di non fare aumenti di capitale fino a quando Thohir non cederà il suo 30%».







ALTRE NOTIZIE