Beccalossi: “L’Inter non può arrivare 5ª-6ª ogni anno, serve la Champions”

Articolo di
20 aprile 2018, 00:08
Evaristo Beccalossi

Evaristo Beccalossi è ospite di “Calcio & Mercato” su Sportitalia. L’ex fantasista dell’Inter ha evidenziato ancora una volta come sia strettamente necessario conquistare la qualificazione alla prossima Champions League, non solo per motivi economici.

TERZI O QUARTI A TUTTI I COSTI«Rischi di rimanere fuori dalla Champions League, se rimani fuori dalla Champions League è un campionato che non va sicuramente considerato positivo, perché l’obiettivo dell’Inter è arrivare fra le prime quattro. Se non ci arrivi qualcuno deve spiegare, l’Inter non può andare avanti quinta-sesta tutti gli anni, probabilmente qualche errore è stato fatto nonostante la prima parte di campionato, dove secondo me Luciano Spalletti con l’organico che aveva ha fatto grandi cose. Se rimani fuori dalla Champions League si innesca un meccanismo, siamo sicuri che i giocatori più bravi vogliano rimanere se resti fuori dalla Champions League? La società sta facendo cose diverse tra fair play finanziario, Cina e tutto, però all’atto pratico devi portarla. L’Inter ha fatto media di cinquantamila spettatori, i tifosi hanno seguito la squadra e deve assolutamente arrivare in Champions League. Dipende molto dalla Champions League, io ho dei dubbi perché Mauro Icardi ha una clausola e devi stare in campana, va bene i due a parametro zero (Kwadwo Asamoah e Stefan de Vrij, ndr) e li avrei fatti io, ma non devi fare più errori e andare a pagare i trentacinque-quaranta milioni per João Mário e i quaranta milioni per Gabigol, adesso ci sarà da valutare Rafinha Alcântara e João Cancelo però le cifre che girano settanta-ottanta milioni per portarli a casa, a quelle cifre bisogna stare attenti perché sono soldi pensati e bisogna spenderli bene».