Beccalossi: “Inter poteva fare altre operazioni! Lisandro-Ranocchia…”

Articolo di
23 febbraio 2018, 00:58
Evaristo Beccalossi

Evaristo Beccalossi – ex centrocampista dell’Inter e attuale Capo Delegazione dell’Italia Under 20 -, ospite negli studi di “Calcio € Mercato” su Sportitalia, torna a parlare degli obiettivi stagionali dell’Inter in base al mercato fatto in estate, dicendosi parzialmente insoddisfatto

QUARTO POSTO POSSIBILE – Da mesi Evaristo Beccalossi va ripetendo l’obiettivo nerazzurro senza illudersi: «Il girone di andata è andato meglio del previsto e l’Inter è stata anche in testa al campionato, ma ciò non significa essere più forte di Juventus e Napoli, comunque può lottare per la Champions League: mancano ancora un sacco di partite e l’obiettivo è arrivare nelle prime quattro. Da una parte è vero che Walter Sabatini non ha responsabilità, ma magari dall’altra è vero che dovendo curare tutto gli interessi di Suning non può essere presente come vorrebbe».

OPERAZIONI POCO CONVINCENTI – «La gente si chiede: “Qualcuno potrà aver fato qualche errore a cui deve rimediare?”. Senza budget sono stati fatti salti mortali, ma quello si sapeva. Sono stati presi giocatori a certe condizioni: Rafinha può dare una mano, spero ci sia dall’inizio contro il Benevento anche se non ha ancora i 90′ nelle gambe; è arrivato Lisandro Lopez avendo Andrea Ranocchia e poi gioca quest’ultimo. Sono operazioni che che avrei fatto anch’io con quel budget, ma qualche operazione si poteva far meglio. I problemi si sapevano, ma si potevano fare investimenti prima. I soldi spesi per gli acquisti di Joao Mario e Gabriel “Gabigol” Barbosa sono cifre importanti e quando sei all’Inter non ti puoi permettere di fare questi errori».






ALTRE NOTIZIE