Beccalossi: “Inter, cinesi Milan diversi! Pioli non è un top, ma…”

Articolo di
14 aprile 2017, 00:19
Evaristo Beccalossi

Evaristo Beccalossi – ex centrocampista dell’Inter -, ospite negli studi di “Calcio € Mercato” su Sportitalia, affronta le due tematiche più calde del momento in attesa del derby: la cessione del Milan ai cinesi e la traballante panchina nerazzurra di Pioli

PROGETTI CINESI DIVERSI – Ci tiene ai dettagli Evaristo Beccalossi: «Quando sono arrivato all’Inter ci fu il Mundialito, ben organizzato da Silvio Berlusconi: in pratica ho beccato l’inizio e la fine del suo Milan, che è stata una grande esperienza. Adesso si parla delle due milanesi in mano ai cinesi, ma va detto che sono due progetti diversi quelli di Inter e Milan: il Suning Group è una realtà imprenditoriale, quello del Milan è un percorso completamente diverso».

PIOLI SOLO ALTERNATIVA – «Personalmente ripartirei da Stefano Pioli, ma nel calcio non c’è sicurezza. Va bene sognare, se ci fosse la possibilità di prendere un allenatore di un certo tipo… Se non è possibile raggiungerlo, valuto quanto fatto da Pioli e scelgo di ripartire da lui. I tre mesi di Frank de Boer hanno compromesso la stagione dell’Inter, Pioli ha fatto un’ottima rincorsa. Se la proprietà ha grandi obiettivi e vuole un top manager in panchina, è chiaro che dovrà andare in un’altra direzione…».