Bastianelli: “Butic grande talento. Andreolli pronto al rientro”

Articolo di
5 settembre 2016, 13:39
Andreolli

L’agente Patrick Bastianelli ha parlato a “Calciomercato.com” dei suoi assistiti Marco Andreolli e Karlo Butic (giovane talento appena acquistato dall’Inter). Il noto procuratore fu anche l’artefice dell’approdo in nerazzurro di Mario Balotelli.

BUTIC – «Sono molto contento di questa operazione, Karlo Butic è un prospetto di grande talento: l’Inter lo ha seguito a lungo e siamo riusciti a portarlo in Italia. Un ’98 con qualità importanti, è un attaccante mancino con 29 presenze e 6 gol già messi a segno in Croazia nonostante la giovane età. Butic può fare cose ottime, inizierà in Primavera poi in futuro si vedrà. Mi ricorda Kovacevic per colpi e giocate».

BALOTELLI – «Ricordo con grande soddisfazione l’affare Balotelli, fu una scommessa vinta quella di portarlo in nerazzurro dal Lumezzane dove ha confermato di avere qualità fuori dal comune. Poi, quel che è stato della sua carriera successivamente non sta a me giudicarlo; ma auguro a Mario sempre il meglio».

ANDREOLLI – «Manca davvero poco al suo rientro in campo, questione di settimane per mettersi a disposizione di Frank De Boer. Marco è pronto e carico per ripartire con l’Inter, la società gli ha dato fiducia anche perché Andreolli ha dimostrato il suo valore anche nella passata stagione: prima dell’infortunio, al Siviglia stava andando alla grande. Posto da titolare in una big europea, ottime prestazioni, Emery era molto contento di lui. Poi purtroppo è stato sfortunato; ma è un ragazzo tenace, professionista esemplare tornerà più forte di prima. E potrà far bene all’Inter».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Riccardo Melis

Riccardo Melis

Riccardo Melis (Cagliari, 1990), studente universitario quasi laureato (si spera) in Scienze della Comunicazione; adora leggere, parlare e sopratutto scrivere di calcio e cinema. Tifoso dell’Inter da quando aveva otto anni, ha superato brillantemente i suoi primi anni di tifo, più neri che azzurri, senza che la sua fede verso questi colori fosse scalfita di una virgola.