Banega regista abbandonato si perde a Praga – GdS

Articolo di
30 settembre 2016, 10:08
Banega

Nell’analisi della partita la “Gazzetta dello Sport” sottolinea come all’Inter sia sostanzialmente mancato il centrocampo. Banega ha sbagliato molto, ma si è trovato senza alcun appoggio, con Felipe Melo disastroso e Gnoukouri spaesato.

DIFFICOLTA’ – De Boer impo­sta la gara di Praga con Felipe Melo e Gnoukouri davanti alla difesa, ma i dati evidenziano chiara­mente come il vero regista del­ l’Inter sia Ever Banega, che in partenza sarebbe teoricamente il trequartista ma che poi nello sviluppo arretra spesso molti metri più indietro. Costretto, in questo, dal fortissimo pressing collettivo dello Sparta, che cor­re tanto, aggiunge Dockal nella batteria di metà campo, resta stretta e ha un atteggiamento di recupero palla alto (a 43,1 metri di media). Queste condi­zioni rappresentano la krypto­nite per Banega, che tra le pro­prie qualità non ha la forza per reggere i contrasti e in un con­testo di scarsa collaborazione fatica a trovare compagni e corridoi (i cechi sono attenti nel chiudere le linee di passag­gio). Quelli che dovrebbero essere i suoi appoggi primari, Felipe Melo e Gnoukouri, latitano: il brasiliano è spesso fuori posizione e sbaglia pure molti passaggi, mentre l’ivoriano è poco coinvolto e timido.

I NUMERI – La “Gazzetta dello Sport” presenta i numeri della gara di Banega. L’argentino è l’uomo con più tocchi nella partita, 96, ma riesce a trasformarli solo in 55 passaggi positivi, e quasi mai smarcanti, con 15 appoggi ne­gativi e un totale di 25 palloni persi. Ever mette a referto an­che 14 recuperi, più di tutti sul prato di Praga, però è un dato positivo fino a un certo punto: a quello dovrebbe pensare Me­lo, in modo da togliere compiti da mediano a Banega. Nelle pagelle il suo voto è 4,5.

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Giulio Di Cienzo

Giulio Di Cienzo

Giulio Di Cienzo, nasce a Milano e si costruisce negli anni una passione per il calcio equamente divisa tra razionalità e passione. La parte più calda sta in Sudamerica, l’unico tifo è per l’inter.